Cartelli paradossi #2: Braccio di Ferro fa il metronotte ed è innamorato

Come un girasole, giro intorno a te che sei il mio sole, anche di notte. Popeye

Amo la “Street Art” e i graffitari incarnano nella vita reale lo spirito primigenio della Rete, all’insegna della libertà di espressione e condivisione,  una condivisione reale e non cliccando un tasto “share” e poi liberare frustrazione e ira, senza uno straccio di ricerca delle fonti.

Perciò un cartello o una scritta su un muro attira la mia (dis)attenzione ab blog condito: è successo proprio nel post d’inaugurazione di questa raccolta di mie frattaglie assortite comunemente nota come bl(eah)og, “Il mutuo dell’amore”, e di recente con Cartelli paradossi #1

Quando ci si autocita, non si è “alla frutta”, ma “all’amaro”…ma non il Lucano, quello del Capo, lo Jegermaister o come diavolo si scrive, quello del veterinario fico e bravo (questi non mi hanno pagato la “mazzetta” per la pubblicità …), bensì la scolatura di un amaro di quart’ordine.

Non è elegante, d’accordo, m’è sfuggito un po’ di autocompiacimento tra il solito zig-zag di pensieri.

Ritorna una scritta su un muro. Ritorna un genio del paradosso. Ritorna un innamorato.

Come un girasole, giro intorno a te che sei il mio sole, anche di notte. <firmato>Popeye

Nel quartiere romano del Collatino, su una delle strade alternative per l’ufficio, di fronte a un semaforo è affisso questo manifesto su un muro, in verità una recinzione dei lavori della Metro “C”. Erano giorni che il rosso del semaforo me ne faceva fissare le parole e ripeterle dentro di me fino al sopraggiungere del verde. Un po’ come una degustazione di un buon vino, lo sorbivo – inconsapevolmente – un po’ alla volta.

Oggi, fermo a quel maledetto rosso (mi ha rovinato il record sul giro casa->ufficio->casa…), ho notato che la carta stava cedendo agli agenti atmosferici o a qualche invidioso o a qualche gelosa. La scritta iniziava a perdere di leggibilità, qualche carattere spariva, prestopresto, subito una foto con il telefono! … …una foto con il telefono?! E lo fanno, lo fanno…Miracoli della tecnologia.

La foto è quella che è. Non vincerò il premio di “Fotografo dell’Anno”, ma almeno immortala appena in tempo ciò che rimane della scritta per poterla mostrare ancora alquanto intellegibile.

Come un girasole, giro intorno a te che sei il mio sole, anche di notte. <firmato>Popeye

Mio caro Braccio di Ferro (scusa Popeye, ma l’italiano mi mette meno in soggezione…), l’immagine del girasole che segue il sole è di sicuro effetto.  Ottima scelta! Un fiore alto, di portamento fiero, svetta su tutte le pratoline, dal colore caldo, il giallo lo stacca decisamente dal fondo blu del cielo e dal verde del l’erba, ma senza stonare. Infonde sicurezza e dolcezza insieme. Bella immagine, non c’è che dire.

Ripeto la frase tra me e me a ognisssanto semaforo rosso di quell’incrocio tra il Collatino e Cinecittà: ti immagino girare intorno al palazzo della tua splendida morosa (il sole), passando e ripassando sotto la sua finestra, anche di notte.

Ora voglio dirtelo con il cuore sanguinante in mano:

esclusa l’ipotesi che tu faccia il metronotte e quindi per lavoro tu debba girare intorno al palazzo della tipa, optando più ragionevolmente che “il sole, anche di notte” sia un’audace iperbole per rappresentare la bellezza della ragazza, chedddiamine stai facendo ancora lì sotto?!?! Corri CORRI! Corri subito a bussare al citofono, raccogli una pietra – ne hai in abbondanza grazie ai lavori della Metro “C” – e lanciala alla finestra della ragazza (mira alla persiana chiusa…), corriCORRICORRI a chiamarla.

Falla scendere. Dille quanto le vuoi bene e quanto la desideri. Non aspettare. Il cartello che hai messo sul muro  per ricordarglielo ogni sera quando va a dormire, tra poco, non ci sarà più.

Sei ancora qui?!?

Onda sonora consigliata: Fenesta Vascia (canzone popolare napoletana – Massimo Ranieri e Giorgia)

Testo e traduzione di Fenesta Vascia

Annunci

39 pensieri su “Cartelli paradossi #2: Braccio di Ferro fa il metronotte ed è innamorato

    1. Olivia non è ‘sta gran bellezza, poi sembra – la gggente mormora – che se la intenda con Poldo. Coppia perfetta, d’altronde: lui mangia come se non ci fosse un domani, lei perennemente a dieta. Ménage familiare che non fa una piega.

      Piace a 1 persona

            1. Grazie! Coppia fantastica resa meravigliosamente – come tuo solito – dalla tua perizia e passione. Comunque sono solo chiacchiere, lo sai, la gggente mormora per un nonnulla. Braccio di Ferro e Olivia sono una coppia di…ferro.

              Mi piace

              1. Hai fatto una cronaca della scritta. Hai immaginato questo uomo che ruota come un girasole intorno a casa della sua bella e lo esorti a correre da lei anziché sospirar d’amor tacendo.
                Io che sono molto più prosaica ti ho detto che forse quelle strofe della mia canzone di Giorgia sono lì come dedica
                Magari stanno insieme, lui sa che a lei piace quella canzone e l’ha scritta sul muro. È l’equivalente di ciò che capitava quando ero ragazzina. Nelle radio locali spesso passavano brani dedicati, si stava con l’orecchio teso pronti a registrare la dedica per riascoltarla. Non so se ti ho fatto capire meglio il senso del mio discorso.
                È il binomio popeye-radio dj che mi ha fatto dubitare dell’uso di funghi allucinogeni!
                Buona giornata a te.

                Piace a 1 persona

                    1. Tu almeno sei “fata”, io do’ ‘gnorante e manco mago o apprendista stregone di striscio. Mi piace pensare che, dato lo stato della scritta, Popeye e Olivia siano già insieme e stiamo litigando se la saponetta deve andare a destra o a sinistra della rubinetteria del lavandino…A ‘sto punto mi viene da scrivere un post sull’utilità del sapone liquido

                      Mi piace

                    2. E lo vedi! 😉 Non ne faccio una giusta. George e Mildred comunque erano fantastici. Anche se George era un po’ succube di Mildred, ma va bene: le donne hanno una marcia in più e, lo dico sempre, se questo pianeta si salva è grazie alle donne.

                      Piace a 1 persona

                1. Sapevo che avresti beccato la fine citazione 😉 Su quella canzone ci sarebbe da scrivere. A mamma che chiagne la lontananza d’o’figlio…latitante. Ma se è latitante avrà fatto qualcosa che è meglio c’a nun se fa truva’?!! Only by Naples 😉

                  Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.