Capodanno a El BaVón Rojo: brindisi con Grog!

Etichetta del Grog (c)2016 Disegno di  Tati

Etichetta del Grog (c)2016 Disegno di  Tati

Tutto nasce dagli auguri di Buon Anno di Tati all’Oste nel post di riapertura dell’anno nuovo di El BaVón Rojo:”mannaggialochetta! ma dov’ero caduta per perdermi una riapertura della bettola con questo grande stile!!??
Buon anno già iniziato Oste”

L’Oste accoglie con letizia l’augurio e ricambia con affetto, ma non finisce lì…

Oste: “Buon anno FaTati! Perché “iniziato”? Come sarebbe “già”?…Narcì! Narciiiiiii! Narcisooooo!

Da qualche parte dietro (e sotto) il bancone con una refola di voce dal tono rassegnato e sbuffante, giunge la risposta di Narciso: “Checc’èeeeh?…”

Oste: “Narcì, ma che è già passato Capodanno? A me non mi pare…Poi qua fa sempre caldo, l’unica neve che si vede da queste parti è quella che portano i motoscafi dei Narcos…E non ci voglio avere niente a che fare eh. Poi per me la neve, lo sai Narcì…”
Narciso: “…È ambiente ostile, lo so. Lo so.”
Oste: “Narcì, allora è passato Capodanno? Tati mi ha fatto gli auguri di buon anno “già iniziato”…”

La testa boccoluta di Narciso sbuca appena sopra il bancone, la bocca è a filo del piano, il mento ancora nascosto al di sotto: è in una posizione precaria, un po’ perché per essere a quell’altezza deve essere in punta di piedi su uno sgabello e u po’ perché è in evidente stato di ubriachezza….

Oste: “Narcì, ecco cosa stavi facendo là dietro…Hai trovato la Reserva Especial di Grog eh?”

Narciso guarda l’Oste tra l’inebetito e l’insofferente.
Narciso: “No…Stavo pulendo…”
Oste: “Seeeeh jamm’belle che non sai nemmeno come è fatta a’ pezza per pulizzà…Allora?”
Narciso: “Allora che?”
Oste: “Capodanno?”
Narciso:”Embè?”
Oste: “Capodanno è già passato?”

Narciso fissa un punto indeterminato alle spalle dell’Oste. L’Oste se ne accorge e si gira di scatto. Non c’è nessuno, il locale è vuoto e dall’esterno giungono i consueti rumori della quotidiana attività umana lungo la Quinta Avenida. Rassicurato, l’Oste si rigira e questa volta si trova piantato addosso lo sguardo del piccoletto borracho.

Narciso: “E da quand’è che t’importa qualcosa del Capodanno? Io mi accorgo che sta per arrivare dal tuo puntuale “pistolotto” sull’inutilità dei “bilanci di fine anno”, che la fine dell’anno e l’inizio del nuovo sono tutte convenzioni, che le rogne dell’anno precedente sono le stesse solo che ci hanno appiccicato sopra l’etichetta dell’annata nuova…Due palle, duepalle, o’frà! Posso pure ripetere a memoria, parola per parola, la metafora che, puntuale come un orologio svizzero, spari a conclusione del “pistolotto…”

L’Oste è spiazzato da tanto sermone inaspettato, non sa se prenderla a male oppure lasciare terminare il socio nel suo sfogo per vedere dove va a parare. D’altronde, in vino veritas.

Narciso con tono cantilenante inizia a recitare una sorta di nenia: “Le rogne sono come il vino, solo che il vino quando invecchia normalmente migliora, mentre le rogne sanno sicuramente di aceto e manco di quello buono”.

L’Oste sorride, ma sta prendendo tempo per capire quale sia il migliore modo per scatenare la sua rappresaglia sul piccoletto impudente.

Oste: “Ebbravo a Narcisiello mio! Io l’ho sempre detto che fai finta di non ascoltare, ma poi sotto sotto, sì insomma là dabbasso, nella tua testolina qualcosa si muove…T’aggia imparà e t’aggia perdere!(*)”

(*) Ti devo insegnare e poi mi lascerai seguendo la tua strada

Narciso: “Tranquilo, io di qui non mi muovo. Senza di me, ti scorderesti pure la mutanda.”

Oste: “E non sarebbe un bello spettacolo. Eh già!”

Agitando davanti a sé la mano e indicando un punto indeterminato del bancone, l’Oste aggiunge: “Narcì, là dietro è rimasta un po’ di quella roba che ti sei scolato? Versamene un po’ che a sentirti parlare così tanto mi è venuta la gola secca…”

Narciso fissa l’Oste, sorride con espressione tra il beato e il beota, poi guarda in basso come a cercare qualcosa, i movimenti del collo sembrano suggerire che stia scandagliando il fondale marino alla ricerca di un tesoro o di una sogliola che si è mimetizzata nella sabbia…

Dopo un paio di lunghissimi minuti

Oste: “Oh! Ma che ti sei addormentato? Ti serve il metal detector? Un sonar? I sensori a lungo raggio dell’Enterprise per trovare una bottiglia, laddove nessun borracho si è mai attaccato?”

Narciso “riemerge”, tira un lungo sospiro, fa una smorfia di finto dispiacere e poi un sorriso che gli taglia le guance rosse da parte a parte:”Te la canto come Édith Piaf… Non, rien de rien”

Oste: “Da quand’è che parli e, sopratutto, canti in francese? In vino veritas, ma pure un sacco di minchiate!”

Narciso: “Sei il solito rozzo.”

Oste: “Io sarò rozzo, ma tu sei maleducato. Domandare è lecito, rispondere è cortesia. Narcì, allora mi vuoi rispondere se Capodanno è passato o no?”

Narciso barcolla, ondeggia paurosamente, lo sgabello deve avere ceduto o ha messo un piede male e si è sbilanciato…Narciso scompare d’improvviso dietro il bancone senza un fiato. Il tonfo secco che segue annuncia che ha toccato il pavimento.

Oste (trattenendo a stento una risata sguaiata): “Narcì… … Narcì?…Narcì sei ancora tra noi in questa valle di lacrime?”

Tutto tace. La musica di sottofondo, il Bolero di Ravel, inonda il locale come una colonna sonora di un film, con il suo crescendo per sottolineare il momento topico.

L’Oste passa dal divertito al preoccupato, si alza lentamente dalla sedia per coprire con un balzo la distanza fino al bancone: “Narciso, guarda che se mi stai facendo uno scherzo, questa volta ti smonto pezzo a pezzo che nemmeno i creativi della Lego riuscirebbero a rifare il tuo set di montaggio…Narcì, tutto a posto?”

Nell’esatto istante in cui l’Oste fa per sporgersi oltre il bancone, spunta il piccoletto con un’espressione rintronata: sulla tempia destra ha un bel trofeo di bernoccolo, primo premio nel tuffo olimpionico sul pavimento. I due si ritrovano faccia a faccia, a una distanza dello spessore di un foglio di carta.

L’Oste con un movimento impercettibile delle labbra sussurra a Narciso: “Narcì, aggio fatto na trezza ‘e vierme!(*)”

(*) Mi hai fatto prendere un grande spavento

Il piccoletto senza scomporsi ribatte: “Sto bene. Cadere non è un problema, quando cado sto bene. È solo quando sbatto sul pavimento che sento dolore.”

Oste: “Escludo che a terra possiamo metterci la moquette.”

Narciso, seraficamente: “Devo darti una brutta notizia…”

Oste: “Non mi dire…Capodanno è passato!?”

Narciso:”…la Reserva Especial de Grog è finita.”

Oste: “Dai, lascia perdere la Reserva Especial che di bottiglie ne ho nascoste in posti che non immagini. Dai su! Con quell’ultimo barlume di lucidità che ti è rimasto e magari la botta in testa ti ha pure fatto bene, dimmi del Capodanno! Allora, è già passato ‘sto fottuto Capodanno o no?”

Cala il classico silenzio lungo un paio di secondi che durano un’eternità, la musica è ormai sfociata in un finale di trionfo di ottoni, legni e archi, percussioni ataviche e potenza devastantemente liberatoria e rigeneratrice.

Narciso ruota le pupille in alto e inarca le sopracciglia in su, l’attimo dopo fa ricadere lo sguardo sull’Oste come la mannaia del boia sul collo del condannato e – fissandolo negli occhi – lo investe con un rutto di magnitudo “F5” nella Scala Fujita: “Danni incredibili. Case sollevate dalle fondamenta e scaraventate talmente lontano da essere disintegrate; automobili scaraventate in aria come missili per oltre 100 metri; alberi sradicati”.

I rutti, come gli uragani, da queste parti non fanno sconti.

Onda sonora consigliata: Non, Je ne regrette rien di Edith Piaf

Informazioni su redbavon

https://redbavon.wordpress.com/about/ Vedi tutti gli articoli di redbavon

45 responses to “Capodanno a El BaVón Rojo: brindisi con Grog!

  • Tati

    … e lei se ne sta dietro al vetro della finestra che dà sul porticato, a osservare tutto e a ridere divertita… a tracolla la sua borsa, pastelli e blocco da disegni che escono di traverso…
    Ride e si diverte e pensa… che meraviglia di mondo è quello dove ci sono due personcine così deliziose a tenere in piedi una bettola così!!
    … sì, il mondo sa essere decisamente un gran posto in cui passeggiare!
    ( comunque, capodanno è passato solo se lo vuoi… io e i miei amici abbiamo tolto la pila all’orologio e aspettato che la pasta fosse cotta, mangiarla e ruttare, prima di fare il brindisi 😉 )

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Quindi il piccoletto borracho quando ha guardato alle mie spalle, aveva viso te! Stavi lì sotto il portico alla finestra. Eppure mi sono girato…Forse è ora che mi convinco a inforcare gli occhiali…Ma FaTati potevi entrare! Tiravo fuori la GRAN Reserva Especial de Grog Reposado, che tengo nascosta in un posto che Narciso non troverebbe neanche in modalità Superciuk. Facevamo un bel bridisi e ti univi alla nostra solita ammuina. Capodanno? Ma chi se ne fotte! 😉

      Mi piace

      • Tati

        Oste…O…Osteeeeee! dove guardi?? son qua, al mio sgabello, come sempre… machedaverodaverononmivedi???
        ( si alza in piedi sullo sgabello, facendo volare in aria un bicchiere di colori che finisce sul pavimento… la prima macchiaditati al ElBavon…)
        Passami il Grog! 😀

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Hola mi pequena hada! Sei una FaTa e come tutte le fate hai i poteri di farti vedere da chi vuoi…Non è colpa mia, ma della presbiopia…C’ho un’età.
        Spe’ arrivo tosto con una Magnum de Grog…Narcì….Narciiiiiii….Puort’a pezza pe’pulizzà!….(tanto lo sappiamo che arriva senza lo straccio)

        Mi piace

      • Tati

        Narcì! non quella che uso per i colori…. NOOOOO… cheddisastro!
        ( vabbé, senti… visto che è il tavolo che uso sempre io… possiamo lasciarlo così sporco di colori?)
        Vieni Oste… beviamone una… due… anche tre… eccheccasaràmmai! 😉

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        una… due… anche tre…Todo el cucuzzaro!
        Narcì, ma che te si cumbinato ‘ncoppa a’faccia?
        Il nanerottolo si è inguacchiata la faccia di tutti i colori che Johannes Itten si sta rivoltando nel sepolcro.
        Narcì, guarda che mica m’arraggio che a terra rimane sporco di colori, jà quando mai?!?

        Mi piace

      • Tati

        … e fu così che venne fuori l’anima matrona e precisetten dell’Oste ! ;D

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        “Matrona” non me l’ha mai detto nessuno prima d’ora…Ma suona bene. Sul “precisetten” sei fuori strada. Io e la Germania, una faza (europea), due raze totalmente diverse. 😀

        Mi piace

      • Tati

        ahahah! è che ci stai bene, col fazzoletto in testa, straccio in mano e grembiule… a urlare contro Narcì che non t’ascolta! che bellichesiete! 😀
        ( sul precisetten… sapevo di aver esagerato, parecchio) 😉

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Ho delle vecchie foto di quando ero piccolo con il fazzoletto in testa…effettivamente ero un bello gnocco 😉

        Mi piace

      • Tati

        non ho dubbi al riguardo!
        no
        ho
        dubbi…
        La bettola richiede storie… richiede passaggi…
        Ci vedo in riassettaggio, con musica di sotto fondo, a tirar su sedie…
        ( quando lavoravo al pub il momento che preferivo era la chiusura, quando restavano gli amici più stretti – e i quattro alcolistinonanonimi – con musica alta a pulire, bere birra e fumare nonostante il divieto… mi piacciono i momenti da “dietrolequinte”)

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        E aggiungerei pure I momenti delle”pulizie di stagione” …tu ci aiuti, vero?

        Mi piace

      • Tati

        Certochesì ! Io ci sono sempre se posso essere utile in questa bettola!… Apriamo le finestre, su con gli stracci! Vai di acqua bollente e olio31 diamo una ripulita… Perché secondo me non ricordi ma c’è stata una festa meravigliosa!!!

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        La festa no, non la ricordo, sarà stato il grog o semplicemente l’età che avanza…(ma per questo ho Narciso). Dalle mie parti si dice:”chi ha avuto, ha avuto, chi ha dato, ha dato, scurdammoce o’passato”…Capodanno è passato, la festa c’è stata, che importa? Non sto nella pelle per la festa che verrà.

        Mi piace

      • Tati

        … e sarà grandiosa! 😀

        Liked by 1 persona

  • silviatico

    Meraviglia delle meraviglie il buon Narci: riesce a tener testa allo sguaiato Oste… Ma poi, in tutta confidenza: passò mai quel Capodanno, oppure fece come fanno i messicani: nos vemos al rato, ti dicono e poi, ad andar bene, li rivedi dopo qualche anno……..
    Abbraccione

    Liked by 1 persona

  • lamelasbacata

    Narciso che botta! E meno male che noi piccoli abbiamo il baricentro basso e non cadiamo dall’alto come certi spilungoni!

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Mela cara, sapendo di questa dote dei diversamente alti, mi sono permesso di fare “volare” dalla sedia il tuo adorato protetto. Sapevo che non si sarebbe fatto male, al contrario del sottoscritto che da un metro e ottantrè rischia di incrinarsi un paio di vertebre…Per la testa non c’è più nulla da fare: una botta potrebbe avere effetti pure positivi.
      D’altronde Narciso che dice quando si rialza? ” Cadere non è un problema, quando cado sto bene. È solo quando sbatto sul pavimento che sento dolore.”
      Sometimes I wish for falling
      Wish for the release
      Wish for falling through the air
      To give me some relief
      Because falling’s not the problem
      When I’m falling I’m at peace
      It’s only when I hit the ground
      It causes all the grief

      Un abbraccio

      Mi piace

  • Zeus

    A El Bavon Rojo sta ritornando la vita! Bene bene. Vedo che ci si sta scuotendo la polvere di dosso e si ritorna al solito battibeccare fra l’Oste e il buon Narciso.
    Ma gli altri, gli avventori, cosa fanno? Sono ancora in giro a raccogliere storie ed avventure o sono già nel locale?

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Guanto di sfida lanciato, vediamo se qualcuno raccoglie. Detto fra noi, sento un po’ di stanca nell’aria bah

      Mi piace

      • Zeus

        Stanca tua nel scrivere o nella risposta dei lettori?
        La seconda è naturale su WP, ho visto che dopo un po’ anche le iniziative più brillanti (come questa della taverna) riscuotono sempre meno successo.

        Io provo a riportare un po’ di storie, così vediamo di mettere un po’ di pepe nella taverna.

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Io non mi sono stancato. È solo un periodo particolarmente intenso sul lavoro e arrivò sfatto a casa. Same old story del Tempo tiranno…Intendevo più da parte della blogosfera, meno commenti, meno visite…Sarà pure questione di gusti e avranno aperto una bettola migliore di questa (e ben vengano!). È’ una mia sensazione, quindi opinabilissima. Noi automuniti di saliera, pepiera e oliera proviamo a condire questi piatti.

        Mi piace

      • Zeus

        Anche da me è stancante, perciò capisco al 100%. Sulla blogosfera vedo che va ad ondate, un momento è su e il secondo è giù… probabilmente perché non abbiamo il dominio nostro?! Non saprei dire. Sui commenti, partecipazioni rimango dell’idea che, su un mezzo come internet e anche su WP, l’entusiasmo scema dopo un po’… è un peccato, perché sarebbe bello riuscire a mantenere una collaborazione più stretta e via dicendo. Anche la storia che ho iniziato, adesso visitata e commentata, finirà per scemare verso i due voti e i tre commenti…
        Io provo ad impegnarmi e portarti qualche storia, spero di riuscire a far quadrare i tempi. Ma lo farò!

        Liked by 1 persona

  • tiZ

    Quando si dice un iniZio col bOtto…ehm ruttOO!!!!

    Mi piace questo inizio , facimm burdelllll!!!!!

    Liked by 1 persona

  • mariluf

    Buon anno all’oste, all’aiutante e a tutti gli avventori! La dedica ha una versione bergamasca, l’ho ascoltata spesso, ma purtroppo non la so scrivere….Hasta pronto!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: