Bethléem Rouge

Dopo i (bav)auguri del 2008, gli (sbav)auguri del 2010, alla scadenza del biennio non poteva mancare il salutami a’soreta del 2012. Soprattutto, dopo avere visto TUA sorella… (Vedi foto sotto). 

Natale 2012 Intimissimi

Tanya Mityushina per Intimissimi 2012.

Ogni anno, a dicembre, per una nota marca di abbigliamento intimo c’è l’usanza di lanciare una campagna pubblicitaria con un’avvenente e svestita testimonial femminile che mi evoca un’ immagine della Sacra Famiglia, calata nella quotidianità odierna, al limite del blasfemo, pur tuttavia estremamente credibile e coerente: Gesù Bambino nella mangiatoia, Giuseppe e  Maria, il bue e l’asinello non dentro la solita spelonca di Betlemme, ma sistemati al Moulin Rouge. Hey sister, go sister, soul sister, go sister / Hey sister, go sister, soul sister, go sister / Gitchi gitchi yaya dada / Gitchi gitchi yaya here / Mocha chocolata, yaya

Moulin_Rouge_by_Malleni

Moulin rouge_lady_marmelade

Non proprio i Re Magi ma Christina Aguilera, Lil’Kim, Mýa e P!nk per la cover di Lady Marmelade nel film Moulin Rouge.

Sostituire “Tu scendi dalle stelle” con “Lady Marmelade” et voilà lo Spirito del Natale è bello che servito in salsa moderna, consumista  e rassicurante per l’Economia e la Salute del Paese.

Now he’s at home doing 9 to 5
Living his brave life of lies
But when he turns off to sleep
All memories keep more, more, more
 Gitchi gitchi ya ya da da da
Gitchi gitchi ya ya here
Mocca chocolata ya ya
Creole Lady Marmalade
Voulez-vous coucher avec moi, ce soir?
Voulez-vous coucher avec moi?

Ogn’anno, in questi giorni di dicembre, c’é l’usanza di andare a fare “shopping”. Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
ognuno adda tené chistu penziero.

Se avete riconosciuto nel corsivo i versi della magnifica “’A livella” di Totò, non sbagliate. La citazione è intenzionale visto che tra il bombardamento concentrato di inviti a “consumare” e l’indotta schizofrenia da shopping, che tu sia laico o credente, il vero Spirito del Natale può considerarsi defunto e quindi, come Totò recitava, occorre recare visita al cimitero per ritrovare il “caro estinto”.

Ogn’anno, puntualmente, in questi giorni di questa ricorrenza,
io aspetto la campagna pubblicitaria di questa marca di intimo al plurale superlativo. Mi diverte l’effetto devastante della cartellonistica pubblicitaria sull’automobilista maschio al mattino durante la transumanza verso i luoghi di lavoro: quando, nonostante l’abluzione mattutina, più o meno accurata, gli occhi ancora cisposi  e pieni di sonno, la voglia di affrontare la giornata di molto sotto-zero almeno quanto la minima invernale di Vladivostok, si ritrova nel traffico metropolitano come un’automa programmato per la guida di un veicolo a due o più ruote e SBAM! Dietro una curva, la solita curva che fa ogni giorno, dietro quella curva di cui il suo sedere ormai conosce ogni minima abrasione ed eccedenza dell’asfalto sul manto stradale, APPARE!!!  

Ecco un esempio di apparizione in curva nel 2011(Irina Shayk per collezione Uomo)

Ecco un esempio di apparizione in curva nel 2011(Irina Shayk per collezione Uomo)

Appare in formato Cinemascope l’immagine di una donna bellissima che trafigge come uno spiedo il nervo ottico, si infila direttamente sotto la corteccia cerebrale, diventa l’unica possibile occupazione di tutti neuroni e le cellule gliali  e viene “proiettata” nella nostra esclusivissima saletta privata, la scatola cranica. Non si sente volare una sinapsi, non uno scrocchio di pop-corn. In questo silenzio tra il concentrato e lo sconcertato, si mette in moto quel processo creativo che è noto come “immaginazione”, una più o meno delirante immaginazione che “sfrena” istinti e pulsioni da ciclo estrale, cioè dell’ “animale in calore”. Questo è invece il momento di usarli i freni, quelli dell’automobile o della moto che si sta guidando: la probabilità di tamponamenti aumenta esponenzialmente, i gommisti si sfregano le mani, i carrozzieri stappano lo spumante in ampio anticipo rispetto al Capodanno.

Quest’anno, a beneficio di una maggiore tenuta di strada in certe curve. la nota marca di intimo si è astenuta dal tapezzare tutta la città con una cartellonistica stradale che avrebbe potuto apparire, inaspettatamente in una parte di città dimenticata da Dio e dalla Metropolitana, svestita così e con uno sguardo che ti inchioda…al primo palo della luce o arbusto sopravvissuto sul ciglio della strada.

natale 2012 intimissimi1

Fotogramma tratto dalla pubblicità. Ipotesi (tutta personale) di cartellone pubblicitario. L’unico mio dubbio è: ma a Natale non farà freddo (s)vestita così?

Non è becero maschilismo, non è solo un picco fuori controllo di testosterone che muove le mie dita sulla tastiera, non è una celebrazione fine a se stessa della bellezza esteriore, costruita a tavolino e servita in salsa patinata. Amo la sensazione di sospensione dalla realtà che comunica questa bellezza che mozza il fiato. Amo l’immaginazione che scatena. In questo periodo di oggettiva e diffusa difficoltà (non solo economica), gli ideali vengono meno poichè diventano per i più un lusso che non ci si può permettere, si smette di avere delle speranze, nei progetti i timori hanno il sopravvento sulle opportunità. Una possibilità di costruire una realtà migliore è data da questo processo creativo dell’immaginazione, che –  conformemente ai nostri desideri, sentimenti, interessi – ridimensiona i timori nel fare progetti, spinge ad azzardare previsioni, stimola ad anticipare le situazioni, insomma rinforza le speranze e contribuisce a ricostruire delle fondamenta dell’uomo: gli ideali. Non è tutto oro quel che luccica: l’immaginazione può anche farci “sognare ad occhi aperti”, cioè astrarre la realtà con eccessi deformanti che passano dall’estremo ottimismo al pesssismo radicale.

Sorge spontanea un’obiezione (di coscienza?), percepisco una dissonanza, risale un retrogusto amaro: quest’immagine ricercata, perfetta, incorniciata non a caso tra statue neoclassiche è lontana anni-luce dalla realtà. Voglio dire: la modella è bellissima, è reale, in carne e ossa. Ma nella difficoltà del presente e l’incertezza per il futuro, palpabile e nei discorsi di tutti, quell’immagine, per quanto fatalmente attraente, è un’ostentazione fuori luogo.

Tuttavia, immaginare è un allenamento cui non si deve mai rinunciare per mancanza di tempo o di voglia, in tempi di crisi o di benessere, l’immaginazione è una valvola di sicurezza della psiche, un processo di liberazione dal profondo, un lavorìo a volte consapevole o, come, in questo caso, inconscio.

Se qualcuno, con la stessa invidia e malizia del Diavolo che tentò Gesù nel deserto, fa giungere alle vostre orecchie il bisbiglio “Photoshop, fotoritocco”, ricacciatelo indietro, urlandogli “Vattene, satana! Sta scritto: Adora la Signorina Tanya e a lei sola rendi culto”. Non avere ripensamenti o pietà alcuna per esseri che hanno rinunciato a “immaginare”: fai ciò che avresti dovuto fare quel giorno a quel bimbo saccentino che ti spiattellò tronfio e sicuro che “Babbo Natale non esiste” e, alle tue resistenze, ti svelò che Babbo Natale nient’altri era che Stanislao Moulinsky…ehm, no… non lo scrivo chi è, <no spoiler> ma voi sapete chi intendo. Avevo 6 anni. L’effetto mi raggiunse come un passerotto che ha appena spiccato il volo dal nido e viene raggiunto da una rosa di pallini sparati da una doppietta.

Ancora mi rimprovero di non averlo preso a calci nel sedere, da qui alla Lapponia!

Si ritorna un pò bambini: crediamo a Babbo Natale, scriviamo la letterina e vi elenchiamo dei bellissimi e inarrivabili regali. Ci crediamo, ci crediamo: la mattina del 25 dicembre, sotto un albero di Natale addobbato e luccicante come le strade in una festa del Santo Patrono del paese, vi troveremo uno di quei bellissimi regali. Così riprendiamo a credere, ci crediamo: una simile bellezza non può essere il risultato di un sapiente fotoritocco, deve esistere. Crediamo a Babbo Natale, scriviamo la letterina, ci mettiamo uno di quei regali bellissimi e inarrivabili, belli e inarrivabili come Tanya Mityushina. Il 25 mattina, sotto quell’albero, troveremo una confezione piuttosto ingobrante su cui campeggia la dicitura “CunegondaLaBambolonaTuttaTonda”.

Babbo Natale esiste, ci conosce meglio di nostra mamma, è più realista del Re e per graziadiDdio non si è dato alla tratta delle donne.

Natale 2012 intimissimi 3

Il mio poco natalizio augurio è di non perdere mai la voglia di immaginare.

E se avete una sorella, salutatemela.

Buona vita.

ONDA SONORA CONSIGLIATA: Closer to the Edge (in This is War! di 30 Seconds to Mars): una bella sferzata di energia, altro che “Tu scendi dalle stelle”…

No, no, no, no
I will never forget
No, no
I will never regret
No, no
I will live my life

Informazioni su redbavon

https://redbavon.wordpress.com/about/ Vedi tutti gli articoli di redbavon

5 responses to “Bethléem Rouge

  • simo

    Tele saluto tutteddue!!!!!

    buon natale pure a te..

    Mi piace

  • tiZ

    pensa che bello se ovunque trasparisse arte, colore, murales, come ci abitueremmo alla bellezza, quella vera, quella che ti fa sognare, riflettere.. pensa come la pretenderemmo!! altro che cose di trippa ritoccate..
    ps. lo vedi che è meglio camminare a piedi? 😉

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Ah certo! Abituarsi alle brutture è un attimo, non richiede sforzo, ci si abitua subito. Se fossimo contornati dalla bellezza, non potremmo più tornare indietro. Faccio sempre questa riflessione quando cammino per le strade del centro di Roma o ai Fori imperiali. Darei invece l’ergastolo a chi ha permesso e ha progettato le Vele a Scampia: un eco-mostro che può generare solo ghettizzazione e deprimere qualsiasi animo umano.

      Liked by 1 persona

      • tiZ

        Credo che chi l’abbia progettato sapesse bene a cosa sarebbe dovuto servire. Qui e lì tra napoli centro, ponticelli e scampia stanno realizzando murales bellissimi proprio contro la ghettizazione e l’abitudine alla depressione.

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        A maggiore ragione ergastolo e senza attenuanti o riduzioni di pena! Ma non lasciato a marcire in una cella, ma condannato a lavorare alla manutenzione e al decoro di quel mostro fino alla fine dei suoi giorni visto che il danno che ha procurato all’ambiente e alle persone è incalcolabile. Amo i murales, i graffiti di strada, chi disegna sui marciapiedi, gli artisti di strada in generale. Massimo rispetto a un famoso artista di strada che ha fatto cancellare le sue opere quando una “fondazione” voleva rappresentarle al chiuso. Ora non ricordo il nome, ma è il concetto che è importante.

        Liked by 1 persona

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: