Cartelli paradossi #1

Un cartello particolare, Edelweiss, montagne e Val Pusteria, cosa c’entrano con un napoletano che sta alla montagna come una renna sugli scogli abbasc’a Marechiaro?

Affisso a una parete enorme di una probabile rimessa di macchine agricole o, altrimenti, stalla del Minotauro, il cartello in foto ammonisce i cani (e i suoi padroni) a non segnare il territorio come nelle loro abitudini.

Il cartello potrebbe passare inosservato se posto in un prato o aiuola, anche se un senso non dovrebbe averlo in quanto tutti i padroni di un cane dovrebbero arrivare da soli al fatto che, se in un prato c’è gente che fa pic-nic o bimbi che si rotolano gioiosi nell’erba, non è  piacevole ritrovarsi a mangiare un succulento panino o lasagna multistrato (dipende come s’intende la parola “pic-nic”), scoprendo di essersi seduti sopra la popò del migliore amico dell’uomo de li mejo mortacci sua o, tra un morso e una forchettata, sniffare – a ogni alzata di brezza – un pungente odore di pipì.

Se si considera dove è ubicata la costruzione sulla cui parete è affisso, il cartello è in contraddizione con i principi elementari della logica, ma all’esame critico si dimostra valido: è un cartello paradosso.

San-Candido-luglio-2016

La costruzione è situata lungo la riva di questo ameno ruscello di montagna, che scorre con una certa velocità a valle e i cui limpidi flutti producono un rumore sì riconciliante con la Natura, ma anche dal potente effetto diuretico.

Il tratturo bianco, che costeggia la riva, è evidentemente frequentato da accoppiate cane-uomo, tanto che all’inizio vi è un cartello che indica ai padroni di tenere al guinzaglio i cani. Da queste parti, c’è una tendenza marcata a mettere cartelli un pò dappertutto e, mia impressione, sembrano per lo più destinati all’educazione delle torme di turisti, stranieri e italiani (quasi più stranieri dei vicini austriaci), che percorrono questa bellissima terra a piedi o in bicicletta.

Il luogo ameno ti rimette in armonia con la Natura: l’odore di abete persistente nell’aria dà la sensazione gioiosa che qui è sempre Natale (a un meridionale come me, la sensazione ha un retrogusto di leggera ansia e sospetto: c’è qualcosa di sbagliato…); l’ossigeno arriva in parti del polmone sconosciute; l’occhio fa il pieno di verde delle foreste fitte di altissime conifere, di giallo dei fiori che punteggiano i prati in montagna come in un quadro del migliore Puntinismo; le montagne, con i loro profili antichi e frastagliati, sono la scenografie perfetta di questo meraviglioso palcoscenico: la dura e grigia roccia comunica protezione e severità insieme, quasi a monito che il benessere delle valli sottostanti è una gentile concessione della montagna.

Croda-Rossa-luglio-2016

A un certo punto, mentre passeggi in questo gorgoglìo di sensazioni dimenticate, avverti una sensazione d’improvvisa impellenza, un altro incessante gorgoglìo ha lavorato senza che te ne accorgessi. L’impellenza si fa ormai necessità non più procrastinabile, ne individui l’origine: all’altezza della vescica.

Con tutta quest’acqua che scorre, immersi nella Natura e, magari, dopo avere bevuto un paio di boccali di birra, questa passeggiata ha l’effetto di una giornata alle terme per terapia idropinica, trascorsa a bere acqua come un dromedario in partenza per la traversata del Sahara.

Ora mi spiego il cartello. Tutto torna e ha un senso.

Sarebbe stato indecoroso e mortificante un cartello che indicasse il divieto di fare pipì con la slhouette di un uomo, così hanno trovato un modo educato di comunicarlo grazie al migliore amico dell’uomo. Se questo non è genio paradosso!

Onda sonora consigliata: The Sound of Music OST – The Hills are alive, cantata da Julie Andrews

Annunci

17 pensieri su “Cartelli paradossi #1

            1. Tu dici? Non è che finiamo nel cliché del napoletano al contrario? Come si fa a vivere senza ironia e autoironia? Non posso credere che una comunità con servizi perfetti e un benessere diffuso, non sappia ridere un po’ di se stessa…Se un alto-atesino leggesse questo post , secondo me, una risata se la farebbe o no?…
              Ah già dovrei prima trovare qualcuno che mi traduce il post in tedesco;)

              Liked by 1 persona

                    1. La verità è che mi sono sacrificato un anno e mezzo a vivere in mezzo a loro. Sono uscito appena prima del fattaccio del muro, che ad ogni modo funziona solo in entrata, visto che in uscita c’è un gran bel traffico.

                      Liked by 1 persona

                    2. E certo! E’ quello che critico. Stessa storia dei crucchi con la Grecia. Ipocrisia tutta nostra occidentale: vogliamo esportare la “democrazia” e lo facciamo con gasdotti, oleodotti e bombe che saranno pure “intelligenti”, ma sono lanciate da deficienti visto che le statistiche di morti in tutte le guerre vedono le vittime civili in stragrande maggioranza. Ieri, guardando la finale degli Europei, era emozionante vedere e sentire i 70.000 francesi cantare l’inno, poi mi ha trafitto un pensiero: come fanno a votare Le Pen quando la squandra nazionale è per la maggiore parte di ragazzi di colore?!?

                      Liked by 1 persona

    1. Certa età a chi? !? Dopo essere sopravvissuto alla 44 km San Candido-Lienz in bicicletta, pari al mio fabbisogno di ciclismo per un triennio abbondante, posso dire che la carcassa tiene botta…A parte un dolore al sedere, un sellino che non ti scorderai mai! Ma questa sarà un’altra storia…

      Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...