Anche un blogger ha un cuore

Viaggio-allucinante
Continua il Viaggio Allucinante al Centro del Blogger, iniziato con “Ogni blogger è un killer“, una delirante introspezione del rapporto tra l’Idea e il Blogger, così si piace definire il mentecatto che scrive in evidente delirio di megalomania e di auto-proclamata rappresentanza di una categoria che, a stento, viene riconosciuta. Con una certa pudicizia e malcelato orgoglio quella rara volta che ti azzardi a dire “Sai, ho un blog…”; se ti dice male:”Ah anche io! Mi dai l’amicizia?“; se ti dice bene:”Ah, scrivi sull’Internet(te) una specie di diario…”.

Partorito come un bimbo “settimino” questo post avrebbe dovuto avere una gestazione meno frettolosa, ma visto che ogni anno 40.000 neonati, il 7% circa delle nascite, vengono alla luce pretermine, occorre farsene una ragione e dedicargli tutte le attenzioni per accompagnarlo gradualmente nel suo cammino verso l’autonomia e la maturazione, fino ad arrivare “al passo” con gli altri piccoli post già pubblicati. Perciò siate pure spietati con quell’ansioso del “padre”, ma abbiate amorevoli commenti per questo post(icino). Nel vostro cuore. Perché anche un Blogger ha un cuore.

Tutto ha inizio da uno di quei commenti che, quando lo leggi, ti fa sentire: bbbene!

Ti fa sentire che non hai buttato il Tempo con un insulso diario, che poi ogni anno, a ogni inizio di anno scolastico, devi comprare nuovo: vergine, come se l’anno passato fosse da buttare come il diario dell’anno scorso.

Ti fa sentire pronto a subire gli effetti del codice penale ex art. 99 sulla recidiva per reiterati reati contro la madre-lingua. Ti senti pronto a rifarlo.

A tale commento, segue dialogo tra il piccoloClaudio-interno, al secolo Narciso, nanerottolo – per forza di cose – abitante nelle profondità del blogger RedBavon, cioè quell’involucro esterno al secolo Claudio, che la primavera prossima – scongiuri di antico rito romano –  compirà 196 stagioni.

(d)Istruzioni per l’(ab)Uso: il nanerottolo Narciso parla in corsivo. L’altro, quello alto 1metroe83, parla in grassetto.

“Clà, ma hai letto che ha scritto Tizio?”

“Mmmh…” sguardo oltre lo schermo, perso nel vuoto, tiro di sigaretta, sbuffo, voluta di fumoooOLE’

“Mmmh” che?!?…“Mmmh SI’” o “Mmmh NO”? – cough cough – E smettila co’ ‘sta cicca!

“Mmmh…SI’”

“Bello no?”

“Bello, bELLLllissimo, sublime…touchè!”

“E allora?!? Tutto qui? Un po’ di entusiamo, dico! Che t’ha preso?!? Stitico di parole così, bah…devo toglierti le parole con le tenaglie?!?”

“No, è che…è che devo digerire…”

“Digerire? Ma se quando c’è da chiacchierare digerisci pure i sassi! – cambiando tono in un mellifluo suono sconfinante al minaccioso – Digerire cosa, di grazia…?”

“Hai presente la “storia” del vuoto…ciò che ha scritto Tizio mi ha riempito. Hai presente quando arrivi alla fine di un pranzo che hai mangiato bene e ti manca solo il caffè…”

“E la sigaretta… – tra i denti – …drogato”

“Beh, sei soddisfatto e in pace, il raggiungimento di uno stato di serenità, metà del fisico e metà dello spirito, raggiunto attraverso la degustazione di cibi e bevande, il riempimento dello stomaco, la temporanea soddifazione dell’istinto di sopravvivenza, le chiacchiere con gli amici, la convivialità e il lancio delle “palline” di pane…Ma non riesci, non hai davvero voglia di scollare il sedere dalla sedia”

Rivolgendosi a una platea immaginaria alle sue spalle: “S’è stappato…state a vedere che d’ora in avanti va con il pistolotto come un criceto che corre da-nessuna-parte sulla sua ruota…”

“ECCO! Mi serve un po’ di tempo per digerire. Ora mi voglio godere questa bella sensazione. Sì, sì me la voglio proprio godere”

“Sì, mattirendiconto – tu sei matto, lo sai e io sono il tuo “grillo parlante” e te lo devo ricordare da contratto – che per ringraziare Tizio bastava un “grazie”, cioè 1 parola di 5 lettere e tu invece ce ne hai messe 293 di 1823 caratteri-spazi-inclusi e non ti bastano a finire?!”

” ‘Né piccirillo, tu però non è che mi aiuti così… “– sguardo fisso verso il basso, dritto negli occhi del nanerottolo, pausa di teatrale effetto, tiro di sigaretta, sbuffo di fumo in piena faccia del nanerottolo, voluta di fumoooOLE’

“Cough cough Edddai!…logorrroico egocentrico molesto e pure tabagista. Finiscila co’ ‘sto veleno!”

“Scusa, Nennello – occhi socchiusi e minacciosi – ma lo sai che per alcuni popoli i “matti” sono quelli tra i comuni mortali che parlano con gli dei…”

“Aggiungo: megalomane e professorino”

“…Io non parlo con gli dei ma con una specie di puttino paffutello e paciocco che mi tira dalle mani una di quelle mazziate da “mazza e panella fanno i figli belli” , che per ora soffoco onde evitare che qualcuno dica “lo vedi? Chi gioca ai videogiochi è un violento!”

“Partitina a Street Fighter IV?…Ci scommettiamo un ovetto Kinder, eh?”

Pugni serrati e sguardo rivolto nell’alto dei cieli, occhio di bragia: “Ora lo uccidO con le mie proprie manO!”

Morale(è sempre quella anche se non fai merenda con la girella):

Questa la fine di tutti i grilli parlanti.

D’altronde lo dicono tutti: il fumo nuoce gravemente alla salute.

Onda sonora consigliata: Hungry Heart di Bruce Springsteen

 

 

Informazioni su redbavon

https://redbavon.wordpress.com/about/ Vedi tutti gli articoli di redbavon

50 responses to “Anche un blogger ha un cuore

  • Pupazzovi

    Altrochè se abbiamo un cuore…..
    Molto divertente !!!!

    Liked by 2 people

  • CriticaComunista

    Leggiti il mio ultimo post😉

    Mi piace

  • Tati

    mi hai ricordato il film “Faccia a faccia”… e il tuo te ( odddio!, “tuote” fa arrotolare la lingua a dirlo…) sembra un fanciullo divertenterrimo.
    Perché chiudere tutto con un “grazie” quando quello che si ha da dire è molto di più…?… per quante sfumature possa avere una sola parola ( e un solo silenzio), se si hanno parole da dire, meglio dirle che farle soffocare, no?😉

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Sacrosanterrimerrime parole! Cara Tati ma perché ridurre il tutto a una stella o un ailaik? Voglio uno zucchero di filato, una mela caramellata, un nastrino colorato e pure teschio con tanto di tibie scrociate nel caso volessi educatamente sfuca’ (trad. sfogarmi). Perché questo simbolismo minimalista e a tirare via? Sparate la vostra così come vi viene, giù dalle dita tipo frana post-nubifragio prevedibile e prevista dopo l’ennesimo piano regolatore mandato a mignotte o puttani.
      Slavinate nel bocs apposito che tanto poi ci pensa l’Oste a rimettere in ordine. E se volete fare compagnia all’Oste mentre sfaccenda, dategli da parlare che la bevazza e’ assicurata!
      È ora soffocatemi pure di Buh! Perepe’ e lazzi tanto al lazo io non ci sto.
      Grazie Tati.

      Mi piace

      • Tati

        A chi fa Buh! Lancio gavettoni di acqua alternati a sacchetti di farina! 😁
        Va bene tutto, anche la stella cadente e il laic… Ma per due sacrosanteparole a valanga se così devono essere ben venga, una bottiglia di nebbiolo e bicchieri sul tavolo per chi ha voglia di far cagnara!
        Grazie a te Red!

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        E sul tavolo ci aggiungo un Lacrima Christi per chi poi vuole pentirsi della bisboccia e ciò che dirà in vino Veritas.

        Mi piace

      • Tati

        Non siamo personcine giudicose… Quello che viene fuori vorrà dire che sarà il caso e necessario😉😀

        Liked by 1 persona

  • silviatico

    Bel Bruce, ma anche lo scritto: quella del blogger mi sembra una leggenda metropolitana.Quando provo anch’io a parlarne a qualcuno, questo mi guarda come se gli stessi dicendo che gli asini volano…
    Saluto più che caro…

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Fino a qualche tempo fa non lo dicevo a nessuno, neanche fosse il Quarto Segreto di Fatima per un misto di pudicizia e “sono fatti miei” di pubblicitaria memoria. Poi ho iniziato a divertirmi a vedere l’effetto-che-fa. Comunque a certe persone pure se gli portassi un asino che decolla davanti ai loro occhi, negherebbero il miracolo perché non si sono potuti fare un fottuto selfie con l’asinello. Poi, pure se fosse, vai a distinguere l’asino vero!😉

      Liked by 2 people

  • itinerariaterradistorieediemozioni

    IN OT
    Ti sto dedicando un post da me..qualche foto.
    Buona serata🙂

    Liked by 1 persona

  • tiZ

    A volte la timidezza ti lascia la forza solo per un ilaiche perché certe storie scritte sono talmente belle e piene e complete che non c’è nulla da aggiungere. .. certe storie sono talmente intime che scrivere un commento pare quasi un’invadenza… e le guardi da lontano, le sfiori appena. Perché avvicinarsi troppo parrebbe indelicato, impropriamente confidenziale che ti aspetti che l’altro dica : we bello ma chi t’a da sta cunferenZa? E intimorito ti fermi nell’istante preciso in cui il tasto sulla destra dice: spedisci.
    E invece chi scrive ha bisogno di dare un senSo a quel pensiero, a quel momento, a quel moto di stomaco che ti fa buttare di getto quello che hai nello stomaco prima che somatizzi. Perché dirlo ad un vicino lo renderebbe evanescente, privo di senSo …. e hai bisogno di buttarlo nero su bianco, lì nell’etere dove ogni cosa sembra eterna, sembra pesante, lanciata nel vento. … in attesa che chi ne abbia bisogno la prenda, la sente sua, la accoglie e dice con tutto il cuore : finalmente sei arrivata. ….

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      we bella come so’ cuntente c’a te si’ pigliata sta cunferenZa!
      Hai ragione sulla prima parte di dubbi e invadenza. Ma allora perché pubblicare sul web? Me lo sono sempre chiesto perché ho dei timori di essere invadente che mi si mangiano dentro. Poi, la risposta sta nel tasto che tutti noi utilizziamo alla fine di ogni sbattimento di tastiera”pubblica”. E allora ti seguo nella seconda parte come un segugio perché tuo follower lo sono già da tempo.
      Credo che si possa scrivere un blog per se stessi, non necessariamente condividendo (per quanto allora io suggerirei una Moleakine che fa Hemingway e risparmiamo pure banda). Credo però che sia un’eaperienZzza parziale, per certi versi negata, perché la forza che ti spinge a continuare a scrivere su un blog, non la prendi solo da te, ma sopratutto da chi ti “dice con tutto il cuore : finalmente sei arrivata. …”
      E come tema musicale sceglierei “Bitter Sweet Simphony”.

      Liked by 1 persona

  • Zeus

    Io faccio un commento a latere…
    Tu non sai quanti matti si mettono a parlare con me. Ok che son Dio, ma dal mio punto di vista non sono illuminati che parlano con me, sono proprio matti.
    E parlo della vita reale, non quella da blog. Nella vita reale arrivano e, con il lanternino, mi scovano nel punto buio dove mi sono nascosto e mi parlano. Inevitabilmente matti.

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Beh allora forse ne hai trovato uno sul blog che parla con te e, per giunta, con un nanerottolo imparentato – per certi tratti somatici – con uno del tuo olimpico condominio.
      La domanda comunque è sempre la stessa, quella del matto dietro il cancello della struttura “sanitaria”: “ma quanti siete la’ fuori” i veri matti sono dentro o fuori?

      Mi piace

      • Zeus

        Ah, non credo red. Non credo proprio. Quelli nella realtà hanno proprio le stigmati del matto ahaha
        In effetti bisogna chiederselo: i matti sono dentro o fuori?
        Che è poi la domanda sulle banche: chi rapina l’ha costruita o si presenta dopo?! ahahahahahah (cit. Dylan Dog)

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Allora mi fregio di essere con te nella stessa banda di matti

        Mi piace

  • M. Alessandra

    Molto divertente e ben riuscito! È stato un dialogo coi fiocchi a mio parere🙂

    Liked by 1 persona

  • blurredlines2016

    Claudio ora sono seria ..sei molto bravo ..leggerti è un piacere ..sei molto gentile ..e metti a proprio agio con uno scambio di battute chiunque ..dote molto rara ..e non te la tiri …faccio la sfacciata e ti abbraccio

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Sfacciata mi piace! E sfaccio pure io con un mio abbraccio! Grazie per istigarmi a continuare a scrivere. E per esserti letta tutto ‘sto popo’ di roba. Difficile trovare persone così disponibili e aperte come te. Siamo benedetti i puntini!

      Liked by 1 persona

      • blurredlines2016

        tu non mi fai sentire fuori posto qui ..allora sono io a ringraziarti….devi assolutamente scrivere ..mi piace tanto il tuo modo di scrivere ..sfacci ..sfacci pure ..

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Pardon allora. Si accomodi. Posso portarle un cuscino, una bevanda da sorseggiare, sigaretta? È a suo agio, mi dica pure eh…Aspetti che le chiamò il garzone, un vero sfaccendato, ma sa a questi giovani un lavoro pure bisogna pure darglielo. Claudio vieni qui..:Ma dove s’e’ cacciato?!! Io lo so, sempre con quel quadernino in mano, la penna, scrive, scrive, ma che si scrive…Sapesse almeno fare di conto…Claaaaaaaaa….

        Liked by 1 persona

      • blurredlines2016

        mmmh grazie per il cuscino …molto morbido ..solo acqua grazie …niente sigaretta ..non fumo …. Claudio vieni qua ..dove ti sei cacciato?…fammi vedere cosa scrivi ..nonna Caterina qua ..donna curiosa è

        Mi piace

  • redbavon

    Nonna? Ti facevo più giovine;)

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: