Archivi tag: Storie sgangherate

Storie sgangherate #4 – Parte II: Raganàbasi

Storie sgangherate per bimbi insonni e papà stanchi sono racconti sgangherati, versioni rimaneggiate, strappate, lacerate, sbilenche, sgrammaticate e con la punteggiatura sparsa come le spighe rimaste sul campo dopo la mietitura. Se volete leggere una Favola scritta bene andate sui libri, quelli veri, di carta e inchiostro. Se decidete di continuare, non mi resta che augurarvi buona…anzi, brutta lettura!

Segue da Storie sgangherate #4

I ragnetti Prot-Prot e Lo Stupido Inutile Viaggio di Andata-e-Ritorno.

Parte II – Raganàbasi

Continua a leggere

Annunci

Storie sgangherate #4: I ragnetti Prot-Prot e Lo Stupido Inutile Viaggio di Andata-e-Ritorno

Storie sgangherate per bimbi insonni e papà stanchi sono racconti sgangherati, versioni rimaneggiate, strappate, lacerate, sbilenche, sgrammaticate e con la punteggiatura sparsa come le spighe rimaste sul campo dopo la mietitura. Se volete leggere una Favola scritta bene andate sui libri, quelli veri, di carta e inchiostro. Se decidete di continuare, non mi resta che augurarvi buona…anzi, brutta lettura!

I ragnetti Prot-Prot e Lo Stupido Inutile Viaggio di Andata-e-Ritorno

Continua a leggere


Storie sgangherate per bimbi insonni e papà stanchi

Avviso ai Naviganti: lavori in corso.

Nella barra del menu principale di questo costruendo blog Pictures of You sono in corso lavori di posizionamento di una voce apposita a segnalazione di una novella rubrichetta. I naviganti in transito prestino la massima attenzione e si mantengano a una distanza non inferiore ai 50 centimetri dallo schermo onde evitare affaticamento della vista, nausea e ricorso al freddo abbraccio della tazza di ceramica sanitaria. Si allontanino di gran carriera gli avidi lettori di bigliettini nei famosi Baci di cioccolato poiché il contenuto rientra nell’infame categoria del “TLDL” (TroppoLungoDaLeggere).

La nuova rubrica concorre per il titolo più lungo in questa webbettola: Storie sgangherate per bimbi insonni e papà stanchi e, quando aggiungerò il prossimo racconto, ogni record di lunghezza di tutti i titoli di questo blog logorroico verrà sbriciolato. L’ho fatto solo per questo.

Ritorniamo seri (?!?) in questa rubrichetta è destinata ad accogliere racconti sgangherati, versioni rimaneggiate, strappate, lacerate, sbilenche, sgrammaticate e con la punteggiatura sparsa come le spighe rimaste sul campo dopo la mietitura. Se volete leggere una Favola scritta bene andate sui libri, quelli veri, di carta e inchiostro. Nel menu appare solo la voce abbreviata “Storie sgangherate”, anche se ho la certezza che lo useranno in tre (incluso me) e chi usa il dumb-phonino non se ne accorgerà nemmeno. Quando la vita reale viene sostituita dalla vita (mono)cellulare.

Nella mia vita reale, sei anni fa, è avvenuto un fatto che ne ha cambiato il corso, dall’oggi al domani. Il tempo di rigirare la carta e accorgerti che non ti è entrata nemmeno la coppia.

Quando nella tua vita piombano due adorabili nani, per giunta insieme, non sei mai pronto.

Continua a leggere


Storie sgangherate #3: A.D. 2828. The Twins Society

Tutto è iniziato in sordina con Ulisse con il senno di poi. Non me ne sono accorto nemmeno io, ma è lì che ha avuto inizio questo esperimento di racconti sgangherati. Poi c’è stato Il Piccolo Cocomero. Scritto a due mani, tre teste e un solo cuore (senza sole&aMMore) in una notta buia e assolutamente non tempestosa, anzi immota e calda assassina come deve essere d’estate al mare, stile balneare, con il salvagente per paura di affogare.

Racconti sgangherati, versioni rimaneggiate, strappate, lacerate, sbilenche, sgrammaticate e con la punteggiatura sparsa come le spighe rimaste sul campo dopo la mietitura. I Racconti e le Favole scritte bene sui libri, quelli veri, di carta e inchiostro, mescolati e remixati in uno storpiato linguaggio cciofane per venire incontro alle illimitate capacità di resistere al sonno di due nanerottoli gemelli di ormai quasi 6 anni e alle risorse ridotte al lumicino di un papà stremato già alle 7ettrenta del mattino.

Storie brutte (e pure raccontate male) ma non tiratemi le pietre perché sarò pure brutto (come ogni scarrafone) e non so scrivere (così dicono dove lavoro), ma pure permaloso (così dicono…)(…facciamoli contenti).

A.D. 2828 è nata al volo, ispirata alla numerosa genie di film post-apocalittici, distopici universi e peperonata a cena. Temo sarà più breve di questa intro, ma forse per questo motivo il lettore me ne sarà grato e lascerà traccia del suo apprezzamento con una scintillante stelletta (ma poi con le “stellette” ci posso prendere una pentola o un set di bicchieri a fine anno?)

Buon…anzi, brutta lettura!

A.D. 2828. The Twins Society

Continua a leggere


Storie sgangherate #2: Il Piccolo Cocomero

Il Piccolo Cocomero (c)2017 Disegno di Tati

Il Piccolo Cocomero (c)2017 Disegno di  Tati

Questa è una favola sgangherata scritta a due mani, tre teste, un solo cuore.

Una sera di quest’estate, in vacanza a casa al mare, i miei due nani di cinque anni ed io eravamo soli nel lettone senza la mamma, poiché – dice lei – era al lavoro in città.

Tre uomini in un letto è un delirio.

Per tenere buone le due belve di taglia piccola, ho dovuto inventare un’alternativa alla loro ideA di “andare a letto”: “Facciamo a lotta” e “Facciamo i salti”; roba pericolosissima sopratutto in proiezione del ritorno della genitrice. I nani se la cavano con un bernoccolo, io rimedio un sermone epocale con tanto di accuse infamanti e d’infanticidio.

Così ho proposto: scriviamo una storia che poi leggiamo alla mamma quando ritorna? Voi raccontate e io la scrivo.

E così è stato: propongo una favola letta e riletta millemiliardi di volte, Cappuccetto Rosso e a tutti e tre è venuto naturale rimaneggiarla. Si avvertiva del godereccio sadismo in alcuni momenti. Nomi e idee sono dei nani al 90%: alcune davvero strampalate, altre di una tenerezza disarmante. Io ho tenuto solo le fila, fatto opera di “contenimento” e battuto alla tastiera in una lingua, un pelo più comprensibile del nanesco.

Quando i nani hanno accusato una certa pesantezza di palpebre, a parte lo spasso di vederli lottare con il sonno per sentire la fine della storia, è stato necessario il mio intervento: la parte finale del “volemose bbbene” conclusivo risente di una mano più adulta, una testa appena più matura, ma mi sono sforzato di mantenere un cuore da bambino.

Per questa favola sgangherata, raccontata dai miei figli, non ho voluto cercare su Internet un’immagine, ne desideravo una fatta con il cuore e la mano fatata… chi meglio di Tati?

Ringrazio Tati per avermi donato il capolavoro di disegno che potete ammirare in apertura: sintetizza il racconto con un colpo d’occhio. Ne racchiude magistralmente l’essenza.

Buona lettura.

Il Piccolo Cocomero

Autori: Diego, Jacopo e Claudio.

Continua a leggere


Storie sgangherate #1: Ulisse con il senno di poi

Ulisse sulla barca (disegno by Diego)

Ulisse sulla barca (disegno by Diego)

Uno dei miei nanerottoli di cinque anni ha scritto il racconto di Ulisse e di una parte del suo viaggio avventuroso. “Scritto”…In realtà, lo ha raccontato a scuola e la maestra l’ha praticamente “sbobinato” sul caro foglio di carta. La maestra chiede a tutti i bimbi di portare a scuola il proprio libro preferito, ogni bimbo lo racconterà a parole sue al resto dei compagni. Considerate che è l’ultima classe della scuola materna e tale esperimento – per quanto meritorio – ha buone probabilità di finire con una baraonda di bibliche dimensioni quanto la Torre di Babele.

La sera, finalmente sotto le coperte, i miei due nani non si addormentano se non gli racconto una storia; in questo periodo, gli sto raccontando dei miti greci (una rispolveratina fa sempre bene), anche perché non ce la faccio più a ripetere a rullo le classiche storie e l’ultima mia edizione di Biancaneve faceva più o meno così: “C’era una volta Biancaneve, dico “c’era una volta” perché è morta. Fine della storia.”. Era ora di cambiare.

Diego,  il meno loquace dei due gemelli, ha scelto un libricino che racconta, con l’ausilio di schede illustrate, una parte del viaggio di Ulisse; potete immaginare la mia gioia di vedere che in famiglia c’è un altro che apprezza la Storia, sebbene parecchio romanzata ma, come spiego loro, “con un fondo di verità”.

Ho deciso di pubblicare la versione di Diego del racconto del marinaio più famoso della Storia perché l’ho trovata esilarante e “pulita” come solo un bambino può fare. Provate a immaginare con gli occhi di un bimbo una storia: il suo susseguirsi di eventi secchi, asciutti, senza sfumature con la dimensione del Tempo che i bimbi di cinque anni NON hanno o ce l’hanno molto compressa. Noterete un particolare ritmo, una metrica interna al racconto, scandito da un “poi” che segue un altro “poi” e un altro ancora, in una consecutio che ha dell’italiano crocifisso, ma anche della folgorazione della Verità quando ti imbatti sopratutto nelle cose semplici e ne hai riscontro immediatamente addosso, sulla tua pelle.

Ho visto come ha “scritto” Diego.

Ho visto come scrivo io.

E, dentro, si è stracciato il mio velo di Gerusalemme. Ho visto!

Ho visto qualcosa di bello che non so ora descrivere e neanche mi va di andare a scavare e smuovere, perché è certamente bello e non voglio rischiare che, avvicinadomi, svanisca o si rovini, toccandolo. Perciò, questo racconto lo metto qui. Spero riusciate a “vedere” anche voi.

Mi piacerebbe che un giorno Diego possa rileggersi qui, su queste pagine, che la carta è meravigliosa e quel foglio lo conserverò accuratamente, ma – caro Diego – papà ha già una certa età e vatti a ricordare dove ho messo quel foglio tra qualche anno.

Autore: Diego

Ulisse: la maga Circe e le sirene. Racconto io… 

Continua a leggere