Viva il Messico! Ep. #7 – A Playa, grintosi!

Al risveglio a Playa, la “Classifica della Vongola” si arricchisce di altre due perle che ci seguiranno per tutto il viaggio poiché si tratta di due saluti al mattino, perpetrati con maniacalità svizzera, ogni santo risveglio: l’uno di Francesco, l’altro del genio politicamente scorretto di Diego. “Grintosi” Autore: Francesco. Luogo: ogni sacrosantissimo luogo e, preferibilmente, …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #7 – A Playa, grintosi!

Viva il Messico! Ep. #6 – Como México no hay dos!

Ci siamo! Ultima trasvolata. Mi sento un uccello migratore per quante sono le ore che abbiamo trascorso in volo. Il volo da Houston a Cancun va ricordato per l'ennesima perla regalataci da Diego, 50% genio e 50% sregolatezza, che inanella una tripletta nella “Classifica della Vongola”. Dopo “L’Aura Regola dell’Appariglio e dello Spariglio” e “Some …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #6 – Como México no hay dos!

Viva il Messico! Ep. #5 – “C” is for “cookie”!

Gate 98. Gate 98. Last call! Gate 98! Curre curre guagliò…Palmiero guida il gruppo, nonostante un ginocchio “ricostruito” a causa di un grintoso passato sportivo, seguono gli altri tre caballeros senza cavallo e pure senza fiato. Dopo una corsa e relativo slalom tra carrelli, borse, borsoni e un numero spropositato di persone, giungiamo al Gate …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #5 – “C” is for “cookie”!

Viva il Messico! Ep. #2 – Succo di pummarola, forte

Seppure postuma, ovvero con il senno del poi, vado a enumerare quanto già accaduto fino a ora e cioè le 11:30 circa: cedimento di una bretella del mio zaino, preso a prestito dal Palmera, che è uno dei soprannomi dei tanti che appioppiamo a Francesco. E' un buon inizio, non c'è che dire. "Check-in"...indolore. Vedremo …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #2 – Succo di pummarola, forte

Viva il Messico! Ep. #1

Un lungo viaggio da Napoli, toccando New York, anzi Newark, poi Houston (We-have-no-problem) fino al Chiapas, attraverso lo Yucatán e ritorno. Un vecchio diario scritto a mano, come i buoni sapori di una volta e ripassato nella padella come il fritto con l'ojo bbbono de mamma. Non è leggero, non fa male al fegato (anzi, lo tiene in allenamento) e, sopratutto, è fatto con il cuore e la cura di chi vi vuole bene.