poltrone&stocà hai rotto erca’!

Tra una tequila limon y sal, un’enchilada e storie al sabor de habanero y guacamole, prendo una pausa prima di fare scatenare l'inferno nella taverna. Ho avvertito forte l’esigenza di battere le dita su questa sadomasochista della tastiera a causa di due pensieri apparentemente senza alcun collegamento, nemmeno per la mia versione più pirla di …

Leggi tutto poltrone&stocà hai rotto erca’!

Annunci

Batmancito [Ep.#12] – Mai fidarsi degli occhi

Segue da Ep.#11. Heavy rain La donna è apparsa all'improvviso appena al di là dell'entrata della taverna: è immobile, a malapena distinguo la sua silhouette anche se questa notte è illuminata da una luna piena particolarmente grande. Stanotte è la notte della SuperLuna: quando è piena e contemporaneamente si trova alla distanza minima dalla Terra, …

Leggi tutto Batmancito [Ep.#12] – Mai fidarsi degli occhi

Batmancito [Ep.#10] – Il mio nome è nessuno

Segue da Ep.#9. Come together Ade entra con incedere quasi marziale e un grande sorriso sornione stampato in viso. Indossa una maglietta rossa su cui campeggiano quattro grandi lettere di colore giallo “C.C.C.P.” e una piccola falce incrociata a un martello appena sopra la scritta all’altezza del suo centro. Si blocca a metà strada tra …

Leggi tutto Batmancito [Ep.#10] – Il mio nome è nessuno

Batmancito [Ep.#9] – Come together

Segue da Ep.#8. Un amaro ritorno In una taverna stranamente deserta per quell'ora della sera, mi trovo seduto al tavolo insieme all'Oste e Narciso, una dozzina di bottiglie di birra già schierate, due fiasche di Grog Gran Reserva Especial, una di tequila, fette di limone disposte su un piatto al cui centro è adagiata una …

Leggi tutto Batmancito [Ep.#9] – Come together

“Sei cose impossibili” Tag

Eccoci qui con un'altra catena di tag! Dopo avere nominato Sant'Antonio come santo protettore dei blogger, pare che mi sia attirato le catene come un africano ai tempi dello schiavismo. Come anche cianciavo in quel post mistico-farneticante, non tutte le catene sono da evitare. E non perché sia dedito a giochi sado-masochisti e di notte …

Leggi tutto “Sei cose impossibili” Tag

Master o’Scieme: la ricetta del giorno

Oggi (ma dubito fortemente che ci sia un domani) il vostro Master o'Scieme, lo chef che 'cchiù scieme non ce n'è, consiglia la ricetta del giorno: OstiE (non benedette) farcite di nocciole caramellate Ingredienti: Ostie (quanto basta) Zucchero (quanto basta) Nocciole sgusciate (a ufo) (d)Istruzioni per l’(ab)uso 1. Procuratevi delle ostie Non andare dal parroco dicendogli …

Leggi tutto Master o’Scieme: la ricetta del giorno

Piccole storie di soldati piccoli Ep.#2

A gentile richiesta di una mezza dozzina di blogger (a me ne bastavano pure un paio), gentile risposta: ritornano le Piccole Storie di Soldati Piccoli.  Per chi si fosse perso il primo episodio, punti pure il moschetto QUI.  18 giugno 1815, Waterloo. Fanteria francese. A sinistra il fante Rafe' (Raphaël, per francofoni), a destra il …

Leggi tutto Piccole storie di soldati piccoli Ep.#2

200.000! Uanema d’o’ priatorio!

DUECENTOMILA! Festeggiamo le 200.000 visite ab Urbe condĭta di questo scivolosissimo b(av)log! Uanema d'o Priatorio! Letteralmente "Anima del Purgatorio!", nel dialetto napoletano è un'espressione di grande meraviglia. Lo esclamo come Aldo Tarantino, che interpreta o' viecchiariello sempre assopito - un personaggio cult nel bellissimo film Così parlò Bellavista - che spalanca gli occhi soltanto quando …

Leggi tutto 200.000! Uanema d’o’ priatorio!

Perché la definizione “fantasy” sta stretta a Il Signore degli Anelli come una t-shirt taglia “S” a una supermaggiorata

Il titolo sembra partorito dal grafomane titolare di questa webbettola, posseduto dallo spirito di Lina Wertmüller (riposi in pace). Se chi inizia bene è a metà dell'opera, mettetevi l'anima in pace: qui c'è ancora parecchio da faticare. Il post precedente ha zig-zagato tra vari temi:  il piacere della lettura, cosa rappresenta un libro per il lettore, se …

Leggi tutto Perché la definizione “fantasy” sta stretta a Il Signore degli Anelli come una t-shirt taglia “S” a una supermaggiorata

Un libro per domarli, un libro per ghermirli e nel buio incatenarli…

Chi è quel pirla che ha spento la luce?!? Non lo vedi che sto leggendo!?! Deve essere passato Attila, sì deve essere passato di qui. Se i miei pensieri fossero i primi timidi germogli di margheritine nel prato, allora ho la certezza che Attila è passato dalle parti del mio cervello. Pensieri rasi al suolo, …

Leggi tutto Un libro per domarli, un libro per ghermirli e nel buio incatenarli…

Pane, uova e tanta fantasia

Mi perdonerà Luigi Comencini se mi permetto di modificare il titolo del suo bellissimo film con Vittorio De Sica e Gina Lollobrigida incluso tra i 100 film italiani da salvare e Orso d'argento nel 1954. L'amico Pupazzovi ha una webbettola frequentata da personaggi assai singolari e tremendamente simpatici: le sue abili mani riescono a dare …

Leggi tutto Pane, uova e tanta fantasia

Piccole storie di soldati piccoli

18 giugno 1815, Waterloo. Fanteria francese. A sinistra il tamburino Fransuà (François, per francofoni), a destra il trombettiere Pascal (Pasquale, per i francofobi). Fransuà: "Nè Pascà ma la vuoi smettere con questo strazio?!?" Pascal:"Jamais! Faccio il mio dovere di vero soldato patriota! Le jour de gloire est arrivé !...Pensa a rullare tu!" Fransuà continua a …

Leggi tutto Piccole storie di soldati piccoli

Remember the name (testo e traduzione) – Fort Minor

https://youtu.be/VDvr08sCPOc Molti ragazzi oggi pensano che per essere dei grandi rapper occorra soltanto fare rap e ce la faranno. Non comprendono che nel rap - come in tante cose della vita - vi sono impegno, sofferenza, sudore, lacrime e, forse, le loro rime infuocate e di denuncia diventeranno famose in tutto il mondo. Questa canzone …

Leggi tutto Remember the name (testo e traduzione) – Fort Minor

Viva il Messico! Ep.#17 – Chichén Itzá

8° dia: Chichén Itzá-> Mérida Lasciamo Valladolid non senza qualche ritrosia poiché El Mesón del Marqués - come la definirebbe Frank - si è rivelato essere  un'ottima sistemazione. Sarà che la scalata della piramide di Cobà ci ha stremato, sarà stata l'abbondanza di cipolla ingurgitata insieme al poc-chuc, ma i dannati mosquitos non hanno molestato …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep.#17 – Chichén Itzá

Doing The Unstuck (testo e traduzione) – The Cure

https://youtu.be/pLcO6iPMbyg?list=RDpLcO6iPMbyg È dalle 7:30 di questa mattina che ho questa canzone tra i piedi...--> Doing The Unstuck (testo e traduzione) in Wish dei The Cure It's a perfect day for letting go / È un giorno perfetto per lasciarsi andare for setting fire to bridges, boats / per dare fuoco a ponti, barche and other dreary worlds you know …

Leggi tutto Doing The Unstuck (testo e traduzione) – The Cure

7:30 A.M.

A volte certe giornate ritornano... È tutto partito da stamattina. Addosso una strana frenesia. Quando ti senti agitato, scosso da uno sciame sismico di emozioni, pensieri e sensazioni o semplici impressioni di fugace passaggio evvia! Ti muovi, ma non ne hai voglia. La nuova sensazione lascia uno strano senso di precarietà, un retrogusto d'insicurezza, “antenne” …

Leggi tutto 7:30 A.M.

Morning, night and day (testo e traduzione) – New Order

https://youtu.be/Sx4OVI5cbgs Morning, night and day (testo e traduzione) - in Waiting for the Sirens' Call dei New Order One time didn't do it / Una volta, non ha fatto effetto Two times didn't feel quite right / Due volte, non mi ha fatto proprio bene I didn't know where i was going / Non sapevo …

Leggi tutto Morning, night and day (testo e traduzione) – New Order

Donne e videogiochi: un rapporto di biblica antipatia

E allora il Signore disse: “Videogioco, io porrò inimicizia fra te e la donna”. Da uno scambio di commenti con Mastro Birraio su Burnout, una serie di grande successo su console 32 bit, viene giù questa storia di donne al volante, videogiochi e riferimenti al libro della Genesi, sicuramente apocrifo. Disclaimer: Tutti i videogiocatori hanno …

Leggi tutto Donne e videogiochi: un rapporto di biblica antipatia

Viva il Messico! Ep. #16 – Valladolid

7° dia: Cobà -> Valladolid Dopo essere sopravvissuti alla discesa dalla piramide di Cobà, un’altra cinquantina di chilometri percorsi in direzione nord-est, verso l’interno, Valladolid è la nostra ultima tappa della giornata. Vi giungiamo nel tardo pomeriggio. Sempre grazie ai preziosi consigli del fratello di Francesco, prima di partire dalle ruinas di Tulum abbiamo telefonato …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #16 – Valladolid

Lo slalomista idiota colpisce ancora!

Oggi, mentre mi recavo in ufficio, come ogni sacrosanta mattina che il Signore ancora mi manda, c'è stata una prova generale di Giudizio Universale nella sua versione, vintage ma già dall'efficacia comprovata, "Diluvio". Per circa quaranta minuti, si è riversata sul percorso casa-ufficio una quantità di acqua impressionante con puntuale allagamento delle strade a causa di tombini otturati …

Leggi tutto Lo slalomista idiota colpisce ancora!

Batmancito [Ep.#5] – Incontri

Segue da Batmancito – El BaVón Rojo [Parte IV] Varchiamo la soglia di El BaVón Rojo. Dall'esterno, si sente della musica di queste parti, un ritmo latino; appena messo piede all'interno, la musica cessa in un istante, come se fossimo entrati nell'esatto momento in cui il direttore impartisce all'orchestra l’ultimo gesto, ordinando a tutti gli strumentisti di …

Leggi tutto Batmancito [Ep.#5] – Incontri

Viva il Messico! Ep. #15 – Cobà, sul tetto dello Yucatàn

La scalata della piramide. La Missione. La prima piramide! Centoventi gradoni, stretti e sconnessi, che salgono a quota 42 metri con un’inclinazione adatta a una capra di montagna. Che la salita sia impegnativa lo conferma la presenza di una fune di generosa sezione, tipo gomena che si trova sulle navi, fissata alla pietra ogni due-tre …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #15 – Cobà, sul tetto dello Yucatàn

Viva il Messico! Ep. #14 – Da Tulum a Cobà

7° dia: Tulum -> Cobà -> Valladolid Inizia il tour archeologico! A Tulum visitiamo le prime ruinas. Piccola città Maya con una popolazione stimata di settemila abitanti , situata sulla splendida scogliera a picco sul mare di colore turchese. Onde evitare che i cenni storici producano l’effetto “sonnifero” non entro eccessivamente nei dettagli storici di …

Leggi tutto Viva il Messico! Ep. #14 – Da Tulum a Cobà

Más di Alejandro Sanz e ispaniche suggestioni musicali.

Avete notato che in estate si moltiplicano radio, locali e feste con i ritmi caraibici e latino-americani? Evidentemente nel nostro immaginario collettivo tali ritmi sono legati al concetto di baldoria e spensieratezza. Come l’estate. In effetti, i ritmi caraibici derivano da quelli africani e trovano naturale eco nei nostri corpi, facendo risuonare ataviche corde, sepolte …

Leggi tutto Más di Alejandro Sanz e ispaniche suggestioni musicali.

People jailbreak #2: i.Got The Power!

Dopo l'esordio nella rubrichetta The .XXX files, dedicata a sfoghi poco ripetibili e assortimento di facezie a grandinata, non pensavo di dare un fratellastro al primo "People Jailbreak". Scusate, ma m'aggia sfucà n'goppa a stu fatto. In questo secondo episodio: dal "touch screen" al "mortacc' screen". Vi sarà sicuramente capitato di scrivere un commento o un …

Leggi tutto People jailbreak #2: i.Got The Power!

Batmancito [Ep.#4] – El BaVón Rojo

Segue da Batmancito Anabasis [Parte III] Punta Allen, noi gringos la chiamiamo così, ma il suo nome è Javier Rojo Gómez. Punta Allen è a due chilometri a sud dal villaggio: è il nome dell’ultima propaggine di Sian Ka’an dove finisce la terra, inizia il mare e, un po’ più in fondo, sulla linea dell’orizzonte, inizia …

Leggi tutto Batmancito [Ep.#4] – El BaVón Rojo

Architrave 8 di Yaxchilán (Guatemala) - (c) Dipartimento di Storia Culture Civiltà Università di Bologna

Batmancito [Ep.#3] – Anabasis

Segue da Batmancito Inicia [Parte II] Sistemo la falda del cappello, mi passo la mano sulla fronte in un gesto inutile di asciugare la fronte, ottenendo invece l'effetto di spalmarmi un impasto di polvere, terra e sudore. C'è troppo silenzio. Avanzo oltre la cortina di liane e vegetazione, che seppure diradata dal mio machete, impedisce …

Leggi tutto Batmancito [Ep.#3] – Anabasis

Specchietto catafratto

L’automobilista del parcheggio in doppia fila è l’altra genie bersaglio delle mie più potenti maledizioni nonché sboccacciate esclamazioni che non oserebbe ripetere nemmeno un tifoso della Curva Nord dopo un autogol subito all’ultimo minuto del tempo di recupero. Il tipico-automobilista del parcheggio in doppia fila è quello del “tanto non dò fastidio”, “tanto ci passano, quello dei “5 minuti e ritorno (dopo un’ora)”, quello “onesto e scrupoloso” perché “avevo lasciato anche le chiavi attaccate”. Ho un rimedio...

L’avventura di un povero crociato

Non sapevo cosa aspettarmi da questo libro. Avevo già letto un paio di libri sulle Crociate, dei saggi storici, e ciò che temevo era uno di quei romanzi che prendono spunto dal fatto storico e, più che modificarlo per esigenze narrative, lo storpiano e lo mischiano – anche sapientemente – alla storia di fantasia, rendendo …

Leggi tutto L’avventura di un povero crociato

Deliver Hope

...per me comunque non c'è più speranza. Io devo imparare a farmi i fatti miei. Ma è più forte di me. Chiamatemi “impiccione”, chiamatemi “curioso”, bontà vostra. L’ennesimo siparietto nell’ennesimo negozio di catena di videogiochi, un cliente indeciso sulla trentina abbondante, una commessa più giovane e amabilmente cortese: “Lui”, indeciso, la personificazione dell’ “asino in …

Leggi tutto Deliver Hope

Ritorno al Bava Claudio Coliseum

Con stringato comunicato sms dal comitato organizzatore, cioè Carlo, vengono ufficializzati i nomi dei convocati. Segue il testo integrale a imperitura memoria: “Confermato calcetto e non calciotto (18.30 Borgo Hermada): Carlo, Claudio B., Claudio F., Stefano F., Gianluca+2, Francesco, Massimo, Enzo. Campo da 10 a nome G.” Tale sms il 14 agosto 2009 alle ore …

Leggi tutto Ritorno al Bava Claudio Coliseum

Botswaltzer

Botswana in due minuti. Tutti tornati alla solita frenesia, eh? Andate alla macchinetta, schiacciate caffè, thè o arrischiatevi finanche al mocaccino, schieratevi davanti allo schermo, sorseggiate la bevanda-placebo (piano, mi raccomando, piano), due minuti, solo due minuti... Onda sonora: Opera 64, N. 1, "Minute Waltz", Frédéric Chopin Ancora? Fatevi rapire dal Botswana! Foto, video, diario e amenità …

Leggi tutto Botswaltzer