Bethléem Rouge

Dopo i (bav)auguri del 2008, gli (sbav)auguri del 2010, alla scadenza del biennio non poteva mancare il salutami a’soreta del 2012. Soprattutto, dopo avere visto TUA sorella… (Vedi foto sotto).  Ogni anno, a dicembre, per una nota marca di abbigliamento intimo c’è l’usanza di lanciare una campagna pubblicitaria con un’avvenente e svestita testimonial femminile che mi evoca un’ …

Leggi tutto Bethléem Rouge

To the Moon. Un groppo alla gola per la commozione

To The Moon utilizza il medium "videogioco", ne dà un'interpretazione estetica come un gioco di ruolo di nipponica 16 bittiana memoria (Super Nintendo, 1990-1999), ne semplifica all'osso l'interattività e mette al centro del vostro cuore-viscere-e-cervello una storia che racconta della vita e della morte, racconta dell'amore, del dolore, della compassione, dell'esperienza del vivere sinceramente, con il fardello della memoria dei momenti peggiori e l'abbraccio confortante dei ricordi dei momenti più belli. Una delle storie più intense, toccanti, meglio scritte e mai raccontate in un videogioco. Se amate i videogiochi o se vi fanno ribrezzo, giocate To the Moon. Alla fine della storia potrebbe venirvi persino da...piangere. Un assoluto capolavoro, una colonna sonora che apre il cuore e una storia scritta con il cuore. Se non ricordate di averne uno, ve lo farà battere.

Uno, nessuno e seimilioni.

Ma cos'è?!?...Vedo quel bel punto interrogativo cicciotto che si contorce al di sopra delle vostre teste, le ciglia aggrottate e gli occhi diventano delle fessure come se voleste concentrare la vista con la stessa potenza disintegratrice del raggio laser di Goldrake...e buonanotte ai robot invasori  Dubbio e Ignoranza. Fatto sta che di Goldrake ce n'è …

Leggi tutto Uno, nessuno e seimilioni.

Cheap’n fun: Strategy First Super Bundle, 29 videogame per 7.53€

Per questa rubrichetta di grandi videogiochi a prezzi piccoli, occasione da cogliere fino al 19 ottobre da Strategy First, software house canadese fondata nel 1988, rinomata per una produzione di videogiochi di strategia di buona fattura. Oggi è anche editore di una piattaforma di distribuzione digitale: dal loro sito web è possibile scaricare la copia …

Leggi tutto Cheap’n fun: Strategy First Super Bundle, 29 videogame per 7.53€

Akron/Family – S/t II: The Cosmic Birth And Journey Of Shinju Tnt

Affibbiare un'etichetta agli Akron/Family sarebbe un'impresa improba visto che si divertono a cambiare continuamente. C'è chi li definisce freak-folk, piuttosto citerei il bassista Miles Seaton il quale, in una intervista, dichiarò che l'obiettivo è quello di connettere i sogni e il cuore. Obiettivo centrato in questo disco che, dopo ripetuti ascolti, sottopone il cervello a uno stimolo continuo, a rincorrere l'intuizione, a decodificare le sensazioni e dare forma alle emozioni. Vi sentirete influenze dal Giappone e folk americano, un mix giubilante, psichedelico e vibrante, e quando il suono si fa sporco in un'esplosione di chitarre distorte e drumming forsennato la voce sottile del cantante sarà il perfetto bilanciamento. Un suono profondamente strano, ma mai alieno e respingente; anzi, vi spingerà a cercare le origini di questa "stranezza" dentro di voi. Cose dimenticate, cose sopite e, quando seguendo quelle note, le tirerete fuori, sarà un tripudio di fuochi d'artificio, scintille e cascate di lapilli. Non solo esplosioni, ma un guadagnato relax con le ultime tre canzoni in cui il trio di barbuti americani si abbandona a un suono gentile, cori e riverberi in lontananza, che ispirano natura e luce. Questo disco è musica che fa bene.

Sì viaggiare, a luglio.

Luglio, col bene che ti voglio. Queste parole di una famosa canzone degli anni Sessanta hanno prepotentemente annichilito ogni altra “spuntatura” di idea e “tracchiulella” di pensiero che volesse ambire – bontà sua - a (in)degno inizio di questo post. Banale e scontato? Sarà…ma il caldo congiura contro ogni anelito d’originalità: la scatola cranica è …

Leggi tutto Sì viaggiare, a luglio.

Due

Tre. Il numero perfetto. Non c’è il due senza. Nulla è perfetto. Solo Zer0 è perfetto. Il mio nome è Due, ma sono uno. Discendente di Zer0, anzi…ascendente. Gemello omozigote di Uno e padre di Tre. Se vi siete persi in un albero genea-logico che assomiglia più a una tabellina, nessuna paura: è normale. Tutta …

Leggi tutto Due

Zer0

C’era una volta un ragazzo. A dire il vero c’era una volta e c’è anc-ora ora questo ragazzo, ma è creanza che quando si voglia raccontare una storia, ci si riferisca sempre al passato perché così appare più importante, dà un tocco di lontananza e di esotico, aggiunge un pizzico di magia e mistero. E diciamocelo pure tra noi due: se uno s’inventa le cose nel passato, è più difficile che scoprano che non dice il vero. C’era questa volta – la storia inizia per davvero - un ragazzo: il suo nome era Zero. Zero era un ragazzo…normale. Zero era gradevole alla vista, non un fustaccio, ma normalmente gradevole. Gradevole nei modi, gentile direbbero i più, ma in verità non era gentile, solo dimostrava affetto quando lo sentiva e non trattava affatto con chi non gli piaceva. Zero non aveva grilli per la testa (nemmeno i pidocchi), non aveva particolari ambizioni, non voleva diventare top-qualcosa, avere sotto-qualcuno, voleva vivere normalmente bene. Non si sa come ci fossero riusciti, ma il papà e la mamma gli avevano dato un nome che poi gli sarebbe calzato a pennello, neanche il nome gli fosse stato cucito addosso come un bel vestito da un bravo sarto. Un sarto speciale, un sarto di anime.

Ratafià

Tramonto di maggio. A maggio c’è una luce particolare,  fresca era ll'aria...e tutto lu ciardino addurava de rose a ciento passe...il mese di maggio è per me “particolare”. Giornata di lavoro al termine. Ti muovi, ma non ne hai veramente voglia. Il traffico...trovare il parcheggio, rifare al contrario la stessa strada della mattina, gli stessi …

Leggi tutto Ratafià

Abbiamo bisogno di un bel cambio d’aria

Sarà... E' cambiato Governo, è andato giù lo spritz...ah no...lo spread, guardare il prezzo della benzina ogni giorno è come assistere a un gioco al rilancio intorno al tavolo di Poker. Intorno al tavolo ci sono: Stato, Comuni, Regioni, il cartello delle compagnie petrolifere - il "cartello" è vietato dalla legge? Ah beh, sì beh!  …

Leggi tutto Abbiamo bisogno di un bel cambio d’aria

Cheap’n fun…per un solo giorno!

Per questa rubrichetta di grandi videogiochi a prezzi piccoli, occasione da cogliere al volo da Get Games, rinomato portale britannico di distribuzione digitale, cioè scarichi la copia del gioco sul tuo PC, legalmente. Nessuna spesa di spedizione, nessuna scatolina, nessun disco, nessun manuale cartaceo (viene fornita la manualistica in formato pdf), nessuna raccomadazione all'Altissimo affinchè …

Leggi tutto Cheap’n fun…per un solo giorno!

Dark Souls. Gutta cavat lapidem

Dark Souls. Gutta cavat lapidem. La goccia scava la roccia. Questa non è una recensione, questo è un avvertimento: Dark Souls non perdona. E c’era da aspettarselo. Come promesso dagli stessi autori, From Software, e seguito spirituale di quella “brutta bestia” di Demon’s Souls, porta con sé lo stesso conflitto interiore: voglia di fissare il record mondiale di lancio del joypad dalla finestra e attrazione fatale da sindrome “un'altra partita e poi smetto”, al limite del sadomasochismo.

Florence + the Machine: Ceremonials – Deluxe Edition.

Ceremonials. Aspettavo con trepidazione questo nuovo Cd di Florence and The Machine. Il Cd precedente, Lungs, per suono, voce e complesso emozionale mi aveva scosso da un torpore musicale dovuto alla continua ricerca di arricchimento, che si risolve il più delle volte nella constatazione di un infatuamento temporaneo e inesorabile ritorno a vecchie colonne portanti …

Leggi tutto Florence + the Machine: Ceremonials – Deluxe Edition.