Cheap ‘n Fun #10: Humble Sierra the 3rd Bundle.


Ispirandosi al cibo di strada tipico della cucina britannica, il fish’n chips, un cibo a buon mercato, tuttavia sostanzioso e da leccarsi i baffi, Cheap ‘n Fun vuole essere il vostro fish’n chips dei videogiochi: un fritto misto di grandi videogiochi a prezzi piccoli.

Il decimo appuntamento di questa rubrichetta nata dai miei giri per la Rete alla ricerca dell'”affarone” è dedicato agli amanti delle avventure grafiche, che proprio non dovrebbero farsi sfuggire questo Humble Sierra the 3rd Bundle.

Con 11 euro potete acquistare una selezione della produzione Sierra per un totale di 35 titoli per PC Windows, di cui 27 avventure grafiche e il resto distribuito tra spara-tutto, strategici e giochi di ruolo.

Nel caso non conosciate i titoli che citerò, per le avventure grafiche potete cliccare sul link che vi porterà ad altre mie ciance tra queste pagine, mentre per i restanti, ho provveduto a una sintetica descrizione. Sul sito Humble Bundle in ogni caso vi sono videoclip, immagini e descrizioni in inglese. I giochi sono per lo più in lingua inglese, perciò potete girare i tacchi se appartenete alla categoria degli anglofobi o degli intransigenti nazionalisti della lingua parlata dallo 0,78% della popolazione mondiale (fonte: worldometer.com).

L’importo minimo di un euro permette di acquistare sette giochi:

  • Gabriel Knight 3: Blood of the Sacred, Blood of the Damned (avventura grafica)
  • la serie completa delle quattro avventure grafiche di Police Quest
  • Velocity 2X, un riuscito spara-tutto 2D con sezioni platform dalla giocabilità compulsiva come nei vecchi “arcade”
  • Timeshift, uno spara-tutto in prima persona, che nel 2007 utilizza la manipolazione del tempo per distinguersi nell’affollato mercato degli FPS. Trama trascurabile, come FPS funziona ancora decentemente, anche se la manipolazione del tempo non arricchisce la giocabilità allo stesso livello dei titoli di riferimento, come Max Payne e F.E.A.R.

Spendendo poco più di sette euro, ai giochi precedenti, se ne aggiungono altri dieci:

  • Gabriel Knight 2: the Beast Within (avventura grafica)
  • Phantasmagoria 2: A Puzzle of Flesh (avventura grafica)
  • Arcanum, un gioco di ruolo con atmosfera “steam-punk”, ambientato in un mondo “fantasy” di epoca vittoriana: c’è la magia, ci sono i nani, gli elfi, gli gnomi, gli orchi, ma utto è stato adattato in un mondo più moderno.  Pubblicato nel 2001, per molti aspetti era in anticipo sui tempi: è un “open world”, è possibile affrontare le varie “quest” in modi differenti e il “crafting” ha un livello di interazione che non sfigura nemmeno al confronto con i giochi di ruolo attuali. Una piccola perla dimenticata per gli amanti dei giochi di ruolo di scuola occidentale.
  • Caesar IV, un gioco di strategia in cui prevale la componente manageriale: simula l’amministrazione di una città del periodo della Roma antica. La novità rispetto ai capitoli precedenti è l’utilizzo della grafica 3D per rappresentare l’universo di gioco.
  • la serie completa delle cinque avventure di Quest for Glory
  • Shiftlings, un puzzle platform in cui due buffi alieni dall’espressione non proprio sveglia e legati l’uno all’altro da un tubo devono superare degli ostacoli e risolvere degli enigmi ambientali, utilizzando le proprie “abilità” non proprio ortodosse: uno dei due è sempre gonfio di Black Hola Cola, la bevanda più gassosa della galassia. Le conseguenze sono spassose, anche se infrangono le regole del Galateo. Il gioco in due in cooperativa dà il meglio di sé e mette alla prova le doti di coordinamento dei giocatori.

Infine, pagando un minimo di undici euro, si ottiene tutta la selezione di questo Humble Sierra the 3rd Bundle per un totale di trentacinque giochi.

  • la serie completa delle sette avventure di King’s Quest
  • King’s Quest Season Pass, l’ultimo gioco della serie, pubblicato nel 2015
  • Il primo capitolo della serie Gabriel Knight
  • Geometry Wars 3: Dimensions Evolved, uno spara-tutto che può dare dipendenza da FUEPS (Faccio l’Ultima E Poi Smetto). In uno spazio limitato dalla grafica minimalista e dai colori psichedelici, la nostra astronave si muove con lo stick sinistro e spara in ogni direzione con quello destro, lasciando solo carcasse di pixel sotto il nostro fuoco continuo. Bisogna sparare fino allo sfinimento, ma è dannatamente divertente.
  • la serie completa delle sei avventure di Space Quest
  • il primo titolo della serie Phantasmagoria
  • Caesar III, non fatevi ingannare dal nome del famoso generale romano, non vi aspettano aspre battaglie e gloriose campagne: si tratta di uno strategico manageriale, con una debole componente militare e fortemente incentrato sulla creazione di una città e dei servizi connessi. Se avete presente SimCity, Caesar III ne è la declinazione ispirata alla Roma antica.

Nessuna spesa di spedizione, nessuna scatolina, nessun disco, nessun manuale cartaceo, nessuna raccomandazione all’Altissimo per la consegna, tempi di attesa azzerati. A questa bengodi del consumatore prescioloso si può accedere a patto di avere una carta di credito o Paypal, una connessione Internet e un account a uno dei leader della distribuzione digitale, Steam. Create un account in Humble Bundle, completate l’acquisto indicando l’importo che volete spendere e saranno disponibili i codici per riscattare il gioco sulla piattaforma Steam.

Per quanto sia un fermo sostenitore di dischi e scatolame, nonché adoratore dell’odore della carta dei manuali di istruzioni, riesco a mettere da parte tale forma di feticismo, quando è così a buon mercato. Anche se diversi titoli li ho già in edizione fisica o li ho acquistati in digitale sulla piattaforma GOG.com, gli undici euro sono una somma modica per acquistare anche tutto il resto dell’offerta, in cui forse l’unico titolo trascurabile è Timeshift. Undici euro e crepi l’avarizia!

L’offerta Humble Sierra the 3rd Bundle scade tra cinque giorni.

Questa non è una pubblicità sponsorizzata da Humble Bundle né dall’editore Sierra. Trasmettere la mia passione è gratis.

14 pensieri su “Cheap ‘n Fun #10: Humble Sierra the 3rd Bundle.

    1. Velocity 2X è un titolo nativo di PS Vita, poi lo hanno convertito per varie piattaforme. Io l’ho giocato su PS4 grazie all’abbinamento al PS Network. Davvero un ottimo titolo: l’ibridazione shooter e platform sono ben bilanciate e il platform serve a ridurre l’adrenalina che scorre a fiumi nella parte “sparacchina”.
      Allora davvero è un ottimo affare (sempre che tu sia interessato alle avventure grafiche)

      Piace a 1 persona

      1. Sì, le avventure grafiche mi sono sempre interessante e per questo trovo quest’offerat aottima. Comunque su PsVita Velocity 2X si gioca veramente alla grande. La PsVita era un’ottima console, peccato che l’abbiano completamente abbandonata al suo destino.

        Piace a 1 persona

        1. Sony ci ha provato più volte a buttare giù dal podio Nintendo. Con le console domestiche ci è riuscita, con le console portatili ha preso ceffoni su ceffoni. All’inzio con PSP ha avuto un discreto successo (non certo per la “genialata” dei film in UMD, altra battaglia dei formati persa da Sony). PS Vita presentava lo stesso stile di gioco della console domestica con una grafica impressionante per una console portatile. Ma non c’era motivo di acquistare un’altra console per giocare praticamente agli stessi giochi, a parte qualche esclusiva come Velocity 2X o Gravity (che sono state poi “rimasterizzate” per PS4). La filosofia e successo della Switch fa tesoro di questa esperienza e fonde il concetto di console domestica con quella portatile.
          PS Vita era un gioiello di tecnica all’epoca, superiore alle macchine Nintendo, ma quest’ultima ha sempre dimostrato che la forza bruta dei teraflops servono a poco se non hai giochi che divertono il tuo target di utenza.
          Di console stroncate precocemente ce ne sono state parecchie: quella che è rimasta nel mio cuore è la Sega Dreamcast.

          "Mi piace"

        1. No hai detto bene, sono io che un “conto aperto” con Il termine di “retrogame”. Per me che considero i videogiochi con la stessa dignità di un film o un libro, il termine “retrogame” con il suo significato intriso di nostalgia canaglia non ha senso. Un film o un libro del passato possono essere dei “classici”, non dei “retrofilm” o dei “retrobook”😂😂😂. Perdona la mia precisazione se ti è sembrata pedante.

          Piace a 1 persona

  1. Altro che nomination, premi, medaglie e altre menate simili. Caro Red, stasera ti sei meritato 92 minuti di applausi. Avendo il Mac (e un pc però portatile ..) non so se acquisterò questo pacchetto/pacchetti , ma ci penserò, anche perché Cesar mi piaceva un sacco. Grazie x la dritta !!!

    Piace a 1 persona

    1. Su Mac dopo l’aggiornamento di OSX a 64 bit non funzionano. Te lo confermo perché ho delle edizioni Gog che prima giravano e ora non più. Sul PC portatile anche se vetusto andranno una meraviglia vista un’età media da vecchie cariatidi come me. Mi godo l’applauso e mi inchino per ringraziare (fallo durare meno dei 92 minuti altrimenti resto bloccato con la schiena tipo dromedario 😜)

      Piace a 2 people

  2. ricordo che ne vevi già parlato ma aihmé non sono un appassionato di videogiochi e in sovrappiù ho da tempo abbandonato win per linux. Ho un pc con win installato ma mi blocca far tabula rasa dover rinunciare a 250€ per l’acquisto del pacchetto. Poi è lento, gli aggiornamenti non riesco a governali. Installere un qualsiasi pacchetto è una sofferenza salvo non acquistarlo nel loro store. Quindi se due + due fa quattro. La regola vale anche per i videogioci

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.