Napolì

Vista del Golfo, Vesuvio e Napoli…mmò puoi pure murì! [foto by RedBavon]

Tra un Andale ad Andalo, la neve e il freddo pungente dell’alta montagna, mi è venuta voglia di Napolì.

Napolì, con l’accento sulla “i”, è una canzone dei 99 Posse, pubblicata nel 1993 nell’album Curre, curre, guagliò, tuttavia, a parte qualche sigla di partito politico scomparsa, rimane di estrema attualità per la città e per la popolazione. C’è un gran trambusto per dare nuove sigle ai partiti e movimenti, un gran lavorio per i professionisti della grafica per inventare mirabolanti loghi “parlanti”, ma dei problemi della gggente (disoccupazione giovanile, chi era costei?) non se ne parla. La gggente viene tirata in ballo in occasione dell’ennesimo, chiamato come un numero a tombola, tragico attentato: scendete in strada, dimostrate che non abbiamo paura, continuiamo a vivere come abbiamo sempre fatto, difendiamo i sani valori occidentaliblablabla“. Imperterrito cito il famoso monologo di Roy Batty nel finale di Blade Runner:”Bella esperienza vivere nel terrore, vero? In questo consiste l’essere schiavo”.

“Napoli è una città piena di contraddizioni” è la frase di rito per chi è educato e non vuole dire apertamente ciò che pensa e cioè,”è una cittàdimmerda e non ci vivrei per tutto l’oro del mondo”. E poi tutto l’oro del mondo lo verrebbero a dare a te, ca’faccia ca’ tieni? E jà!

Sicuramente viverci non è altrettanto facile quanto vivere ad Andalo o altre città del Trentino. L’Alto Adige non lo cito perché si sentono tedeschi e non vorrei che qualche figlio-di-madre-crucca-e-passaporto-italiano se la prendesse a male per averlo confuso in questo melting rut che è l’Italia di oggi. E non c’è nessuna allusione all’immigrazione, parlo proprio di noi itali(di)oti.

Napoli te fa attaccà e’ nierve!

Di recente, sembra che il turismo a Napoli sia aumentato e – incredibile ma vero – anche gli italiani hanno scoperto questa città di origini antiche, densa di storiA e di storie che si sono intrecciate, fuse, contaminate. Tanto per citarne qualcuna vecchia comm’o cippe a Furcella: Napoli e tutta la zona flegrea era la meta turistica preferita dai patrizi Romani, la sede della flotta imperiale (il porto di Baia), le ricche ville di Ercolano e Pompei, un luogo amato dagli imperatori (Tiberio a Capri, Nerone vi debuttò con una sua ode, Claudio vi fece rappresentare commedie per il fratello Germanico). La prima cosa che mi dicono questi neo-turisti di Napoli:”Ma è magnifica…la metropolitana!”. Ma ncoppe o’ bbbbene ‘e mammà, la cosa che vi ha più impressionato è la metropolitana? Non avete visto niente altro di così…magnifico?

“Almeno una cosa funziona” penserebbe con auto-ironia un napoletano.

Napoli te fa attaccà e’ nierve! C’è chi rimane o c’è decide di andare via. Come ho avuto modo di confessare già: io sono terrone. Oui je suis emigrante. Io sono andato via.

Napoli è come il Mal d’Africa. 

Chi è stato in Africa conosce il Mal d’Africa e lo sa riconoscere. Prima o poi devi ritornare.

Nella mia famiglia non si è mai parlato il dialetto (neanche i nonni). Ho vissuto molta parte dei miei 49 anni lontano da Napoli, ma quando sento parlare in napoletano, mi piace usare appieno la mia cadenza e le parole della mia lingua d’origine. In un contesto diverso, non amo usarlo, a meno che il napoletano possa dare una sfumatura in più rispetto alla lingua di Dante. La napoletanità non è un’etichetta che si mostra per sfoggio.

Il napoletano, troppo spesso, sui media appare come un “animale strano”, un “animale da baraccone”: il parcheggiatore legalmente abusivo, la signora del vascio che allucca, i guaglioni in tre ‘ncoppe o’ mezzo, cioè il motorino. Ma ho visto pure una famiglia al completo: babbo alla guida, nu piccirille annanz’ o pate, mammà e in mezzo, stretta tra i due, un’altra piccerella. E dire che erano pure di una certa stazza.

I mezzi d’informazione mostrano Napoli della camorra (giusto che se ne parli e se ne parli sempre!), della munnezza (che è poi sempre camorra e certa imprenditoria connivente) o quando arriva un cialtrone di politico che fino a ieri ha insultato indistintamente tutti gli italiani al di sotto del Po, in particolare i napoletani. Oggi viene a Napoli per farci credere di essere l’alfiere nazionalista di tutti gli italiani – napoletani inclusi – contro l'”invasione” di quei poveri maronna d’immigrati e LEuropa (tutto attaccato). Accà niscuno è fesso.

Un moderno Pasquino, con quell’eccezionale efficacia espressiva tutta romana, ha sintetizzato il cambio d’aria in questo tipo di politica sul muro di Villa Torlonia lungo la trafficatissima Via Nomentana a Roma:

C’è aria nuova … [foto by RedBavon]

Pure la pubblicità tratta i napoletani come “animali da baraccone” secondo il cliché dell’innata simpatia (veramente conosco parecchi conterranei che non lo sono affatto) e li usano per promuovere sughi a base di pummarola (estratto di provenienza cinese con tutta probabilità), mozzarelle imbustate dello stesso sapore del cellophane e – per me bestemmia in Cappella Sistina davanti al Papa che ti porge l’ostia consacrata – pizze surgelate. La patria della pizza, planetario successo d’esportazione del vero “made in Italy”, la migliore pizza che puoi mangiare nel mondo è a Napoli. Ebbene usano la “napoletanità” per promuovere la negazione del suo essere un alimento fatto di ingredienti freschi, naturali e da consumare sciue’, sciue’. E se lo chiamate “street food”, vuole dire che vi si è surgelato il cervello!

In pubblicità, mai una volta un napoletano che provi a “vendere” un servizio bancario, finanziario, credito al consumo o un’automobile. Ispiriamo simpatia, ma evidentemente non ispiriamo sicurezza e affidabilità. Ma neanche le meréndine (da leggere con la “e” stretta)! Le mamme perfettine della pubblicità hanno bisogno di tanta sicurezza affinché mollino ai propri pargoli la merénda per farli crescere senza l’olio di palma. E non siamo noi napoletani a parlare male, ma sul dizionario è scritto “merènda”. Si pronuncia con la “e” aperta. In italiano.

Se proprio non ci amate, anche se tutto questo discorso mi ha lasciato nu pucuriello sfasteriato, una sola cosa chiedo e con tutto il garbo mio possibile:

lasciatece sta’ quiete.

Nota sul video: per trovare un video della versione live (che preferisco rispetto alla registrata) è stato un bel traffico, ahimè non c’è un solo video di 99 Posse che non sia infarcito di flame politiche, ideologiche e razziste. Il mio intento è quello solo di fare ascoltare una bella canzone su Napoli.

Testo tratto da novenove

NAPOLI’
(Persico – Jovine- Messina)

Napolì
criature vuttate ’mmiez’ ’a na vi’
Napolì
crisciute cu ’e pippate ’e cucaì’
Napolì
guagliune ca se fanno l’eroì’
Napolì
a scola nun ce sò maje putut’ì’
Napolì
Puceriale rint’ ’o destì’
Napolì
affiliate rint’a cocche famì’
Napolì
’o guverno ce ra sulo ’a polizì’
Napolì
nisciuno chiù le scippa ’o burzellì’
Napolì
’e benpensante votano DC
Napolì
’e camurriste votano PSI
Napolì
’e sicchie ’e lota votano MSI
Napolì
ma ’mmiez’ ’a via continuano a murì’
Napolì
ma tenimmo ’o sole ’a pizza e ’o mandulino
tarantelle canzone sole e mandulino
a Napoli se more a tarallucce e vino
Napolì
Na-Na-Na-Na Napolì
Città dimenticata sfruttata abbandonata
da tutti disprezzata ma a Agnelli c’è piaciuto
’o lavoro ’e l’emigrato pacche scassate
famiglie disgregate e a Torino Milano
napulitano terrone e ignorante
magnate ’o sapone lavate cu l’idrante
e tuornatenne a casa felice e cuntento
ce he fatto fà’ ’e miliardi e nun he avuto niente
però sinceramente dico sinceramente
nun te può lamentà’ tiene ’a machina e ’a patente
ma rint’ ’o parlamento ce teneno po’ a mente
rint’ ’o parlamento nun se scordano maje niente
nun se scordano ad esempio ’o curdinamento
ca ce sbatte sempre ’nfaccia ’e prubleme ’e tutt’ ’a ggentee allora immediatamente dico immediatamente
manneno a Improta cu na cricca ’e malamente
giunto da Roma st’ommo tutt’ ’e nu piezzo
ca ’ncoppa Prefettura va a fà’ ’o gallo ’ncoppa munnezza
giunto da Roma st’ommo tutt’ ’e nu piezzo
giunto da Roma se n’è venuto a Napoli
Na-Na-Na-Na Napolì
Napolì
criature vuttate ’mmiez’ ’a na vi’
Napolì
crisciute cu ’e pippate ’e cucaì’
Napolì
guagliune ca se fanno l’eroì’
Napolì
a scola nun ce sò maje putut’ì’
Napolì
Puceriale rint’ ’o destì’
Napolì
affiliate rint’a cocche famì’
Napolì
’o guverno ce ra sulo ’a polizì’
Napolì
nisciuno chiù le scippa ’o burzellì’
Napolì
’e benpensante votano Dc
Napolì
’e camurriste votano Psi
Napolì
’e sicchie ’e lota votano Msi
Napolì
ma ’mmiez’ ’a via continuano a murì’
Napolì
ma tenimmo ’o sole ’a pizza e ’o mandulino
tarantelle canzone sole e mandulino
a Napoli se more a tarallucce e vino
Napolì
Na-Na-Na-Na Napolì
CURRE CURRE GUAGLIO\'CURRE CURRE GUAGLIO’
1993 | novenove

 

Annunci

Informazioni su redbavon

https://redbavon.wordpress.com/about/ Vedi tutti gli articoli di redbavon

74 responses to “Napolì

  • lamelasbacata

    Bravo guaglio’, meriti nu vaso

    Liked by 1 persona

  • Pupazzovi

    Napoli mi attrae,prima o poi nella vita farò un giro……

    Liked by 1 persona

  • Liza

    Lo stesso male che soffrono i sardi.
    Nu vasu guaglio’!
    (La canzone la conoscevo gia’ essendo io estimatrice dei 99Posse).

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Ma lo sai che io mi sento un po’ sardo. Il mio primo anno l’ho vissuto a Nuoro e, grazie ai racconti di mamma e papà, ho un legame con quella terra e popolo. Quando dopo venti anni ci sono tornato, al primo sbarco ho avvertito come un sussulto…un bentornato!
      Amo la Sardegna e tutti i sardi che ho conosciuto sono delle ottime persone.

      Liked by 1 persona

      • Liza

        A Nuoro????? Come li???
        A meno di 50 km da me????
        E che facevi??

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Il poppante. Ero appena nato a Napoli e subito emigrante. Papà lavorava a Nuoro. Racconta mamma che sui monti vicino a un parco (diga di Orgosolo possibile?) incinta di me, fu caricata da un torello…sarà per quello che non ci sto con la testa. Devono avere passato degli anni bellissimi perché mi hanno trasferito delle sensazioni fantastiche sulla Sardegna e sui sardi. Che ho ritrovato tanti anni dopo.
        Nu vasille!

        Liked by 1 persona

      • Liza

        Deve essere la Diga del Cedrino che sta’ un po’ piu’in basso.. sono contenta che la mia terra vi abbia lasciato questa sensazione di appartenenza..quando e’ così siete naturalizzati sardi sappilo!
        Unu asu. 😊

        Mi piace

  • Eleonora Ingrassia

    Che gran cazzata che Napoli sarebbe una contraddizione! Napoli è urla, cravatte vendute dai motorini alla stazione, sigarette idem, i panni stesi, i murales per i ragazzi morti, i bassi del rione sanità, palazzi storici abitati da muratori che escono in ciabatte a parlarmi di camorra, il Cristo velato, certi cortili magici, il Vesuvio, la pizza, le capuzzelle, il traffico, gli undicenni in motorino, e tutte queste cose non si contraddicono affatto ed per questo che è bella Napoli!

    Liked by 2 people

    • redbavon

      Benarrivata in questa webbettola, primo commento e pure con un inzio senza preamboli al fulmicotone. Napoli è quanto scrivi e anche quello che scrivi. Il bello è – vedendo altri commenti – che Napoli è tante cose. Pure la magnifica metropolitana 😉 Ognuno vi si può riconoscere, ognuno può sentirsi respinto da un particolare aspetto. Piuttosto che “contraddizione” nel senso più supercificiale che ho stigmatizzato, li definirei “contrasti”: amore/odio; bello7brutto; giusto/sbagliato; legalità/illegalità; vita/morte. A Napoli non si scontrano, l’uno non vince sull’altro: convivono. E con essi i napoletani.
      Che di Napoli ognuno percepisca questa moltitudine di contrasti per me è una ricchezza. Quando si attacca un’etichetta per comodità o pregiudizio, mi ricordo che sono nato sotto al Vesuvio e m’appiccio. Grazie per la visita e il tuo appassionato contributo.

      Mi piace

      • Eleonora Ingrassia

        Avevo il dubbio che fosse troppo appassionato! Ma anche io odio la ‘contraddizione’ stigmatizzata, e vedo in Napoli gli ‘incontri’ che dici (più che ‘contrasti’?)… Poi beh, li vedo da viaggiatrice (non turista eh), da libera, da innamorata e senza preamboli, ma non da napoletana – perché non lo sono. Anche se mi piacerebbe provare a farmi adottare un po’ (ma quando e come?)… Certo, non bisogna nemmeno iniziare ad amare certe storture, o glorificare il diverso a tutti i costi (quando questo atteggiamento guarda ‘a est’, si chiama “orientalismo”)… ma nemmeno inserirle a forza in un quadro di banali “contraddizioni”… Bel blog e grazie del benvenuto, ma non so più come ci sono arrivata! Ah si, da quel pezzo lungo sugli ideali, credo! (Esiste?)

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Da viaggiatrice li vedi come “incontri”, se ci vivi puoi sentirli come “contrasti”, perché cozzano, stridono, ti fanno inevitabilmente pensare a quanto sarebbe meglio “senza”. E a volte sei costretto o scegli di andartene. E ti assicuro, rimane di fondo un sottilmente subdolo senso di colpa. Napoli accoglie, ha accolto sempre tutti. Siamo un popolo di emigranti. Dio ha scelto come popolo eletto gli Ebrei, ma con i napoletani la diaspora ce l’aveva bella e pronta. Insomma, è gran bel melting pot borbottante o – per dirla in napoletano – è ‘na bella ammuina!
        Come ci sei arrivata? Serendipidità!
        PS: forse intendi questo?
        https://redbavon.wordpress.com/2016/07/19/glia-famo/

        Liked by 1 persona

  • tiZ

    Napoli è allegria, è comunione, è partecipazione, è profonda contraddizione, è vita, è profumo e lercio, è dolore e infinita compassione, è arte e musica in ogni angolo, è l’assurdo e il profondo degli inferi, è risa ma anche pianto, è incertezza ma è la calma del mare. È bianco e nero e infinitesimi colori, è inganno e solidarietà . Napoli non si vive , ma ti vive solo se l’attraverSi …

    Liked by 1 persona

  • Zeus

    Grandissima celebrazione della propria città, redbavon. Non mi aspettavo di meno da te.

    Posso, però, fare il party-killer? In Alto Adige non “si sentono” tedeschi.
    Sono tedeschi.
    Possiamo girarci intorno e vedere la carta d’identità verde (che mi da diversi problemi quando arrivo alle frontiere che non la conoscono) e trovare che il Suedtirol/Alto Adige è italiano, ma le tradizioni, gli usi&costumi, la lingua principale, il modo di pensare e tutto respira altoatesino o, al massimo, austriaco/tedesco.

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Volevo stanare la fronda estremamente nordica ahahah! Io però la penso così: l’Alto Adige è tedesco? Va bene per quello che contano i confini nell’Europa che piacerebbe a me e nelle intenzioni dei primcipi costituenti. Io vi considero italiani con usi e costumi diversi come la maggior parte delle realtà così tipicamente regionali che sono la nostra ricchezza e, se la sfruttassimo uniti, altro che Italietta! Per me “vi sentite tedeschi” perché vi considero, nel bene e nel male, italiani. L’asino scorso sono stato a San Candido e ho apprezzato gli usi e costumi, i luoghi, il cibo…Ma mi sentivo “ospitato”. Quest’anno in Trentino mi sono sentito più a…casa. Secondo me, ci sono margini di miglioramento per tutti 😉
      Poi se volete separarvi, toccherà invadervi militarmente 😉 Ciao caro di un Dio!

      Mi piace

      • Zeus

        Ehehe. Figurati… io neanche sono di madrelingua tedesca, vedi te.
        I confini sono quelli e, indubbiamente, l’Alto Adige è in Italia. Possiamo metterci a discutere su qualsiasi cosa, ma i confini geografici e storici (almeno dalla prima guerra mondiale) dicono così.
        Sfruttare la diversità sarebbe una cosa intelligente, ma non è tipicamente italiana riuscire a sfruttare bene quello che si ha (basta vedere come riusciamo a buttare a mare il patrimonio culturale che abbiamo sul territorio).
        Ovvio che in Trentino ci si sente più a casa.. e anche in Trentino molti si sentono più della Regione e rivolti a Nord che a Sud. Questione di storicità anche in questo caso.
        Qua c’è un modo un po’ particolare di approcciare il turista, lo ammetto, e non è proprio il massimo. C’è una buona dose di indifferenza, soprattutto se si è abituati al calore di altri posti. Oltre a questo c’è lo shock culturale di arrivare in un posto che, come prima lingua, ha il tedesco e non l’italiano. Non è da poco.
        Margini di miglioramento? Senza ombra di dubbio. Secondo me fanno degli errori qua che sono molto ingenui… molto, ma molto, ingenui.
        Soprattutto per una certa testardaggine sui soldi… ehehe.
        La separazione non la vuole nessuno qua… mi correggo, la vogliono in pochi… ma nessuno ne ha interesse vero, con tutti i contributi che arrivano da Vienna e Roma.

        Liked by 1 persona

  • Paolo

    Bella Red!
    Curioso di conoscere il progetto tuo e di tiZ!
    (nel frattempo devo assolutamente andarmi a leggere delle tue traumatiche esperienze trentine!… :-))

    Liked by 1 persona

  • Tati

    Napoli non è una contraddizione … E un dolce, melodioso, rumoroso e acido ossimoro

    Liked by 2 people

    • redbavon

      Da di buono signuri’! Ma, Je song nu semplice Oste e , perdonate l’ignoranza, n’aggio capito l’urdema parola….Ossi…Ossi..Si insomma, Ossi-quello-la’! Mo’ facimme accussi…Accomodatevi, pigliatevi nu cccafe’, quieta quieta, cccca’ assettateve cca’ ca ce sta o’sole…e me lo spiegate bene che significa quella parola. Signuri’ mettetevi comoda…Narciiiii nu bellu cccafe’ con le tre C come lo sai fare tu per la signorina bella che sta qua fuori… … Narci, Na cosa ‘e presse, ca’ signurina m’adda spiega’ una parola nuova

      Mi piace

      • Tati

        Ossimoro dici?
        caffè!!! Caffè! Narcì vieni che c’ho gli ovetti di cioccolato bbbbuuonooooo!!!!

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Narci!?! Embe’?!? Già ‘a canuscive ‘sta signirine belle?
        Narci, tu volevi fa l’americano, ma sei nato…nano 😀

        Mi piace

      • Tati

        IO e Narcì siamo amici di inestimabile altezza 😀

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Signurì, o’piccirille è curte, ma tene nu core grande assaje. Vi devo avvisare però: o’ piccirille stà semp ‘a sfruculià ‘a mazzarella a San Giuseppe e ogni scus er bon pe’ fa ‘a ammuina miez ‘a vì..io vi ho avvisata.

        Mi piace

      • Tati

        il vino buono sta nelle botti piccole…
        ( Oste caro, lasciami tirare un po’ di acqua al mio mulino…) 😉
        … e ammuina sia!
        ( io sto qua, zitta zitta e osservo… mi piace osservare le cose dagli angoli…)

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Non è possibile. Non posso. Veramente nun ve pigliate collera, signurì. Non se ne parla proprio. Signurì…Acqua?!?
        Lassate sta’ o’mulino e l’acqua, favorite questo vino genuino di Solopaca o preferite una Falanghina o un Greco di Tufo? A Sua Esposizione…

        …Narcì – sottovoce ma tutto stasteriato assaje – Naaaaarcìììì, macchebbbuò?!?! O’bbuo’ fernì ‘e me tirà pa’cammisa, eddalle cu’ste manelle, ca’te tiri jà!?!
        Narciso fa cenno all’Oste di abbassarsi perchè deve dirgli una cosa sottovoce di estrema importanza.
        L’Oste si china, Narciso si alza sulle punte dei piedi, fino ad avvicinare le sue labbra all’orecchio dell’Oste.
        Una decina di secondi e l’Oste cambia espressione repentinamente.
        L’Oste si distende nuovamente in posizione eretta, fa come per asciugarsi le mani sul lungo grembiule, alza gli occhi in alto, bofonchia tra sè e il soffitto di cui si capisce solo qualcosa che suona:”ichefiguremmerd”. Si rivolge al piccoletto, che lo guarda con un sorriso di gran trionfo ed enorme soddisfazione, gli fa un cenno di ringraziamento tirato fuori con le tenaglie….e si avvia di nuovo verso la signorina seduta al tavolo.
        “Ehm Signurì dicevo: QuaSSSiasi vino vogliate, a DIsposiZZione”.
        Non aspetta nemmeno la risposta della donna, si rigira verso Narciso per trovare delle conferme.
        Narciso scuote il capo e si mette una mano sulla faccia a coprire il volto, continuando a scuotere il capo.
        L’Oste strabuzza gli occhi, chiude le dita della mano destra così che tutte le estremità si tocchino e agita questo crocchio di dita dsu e giù, mentre fa sottovoce al piccoletto, enfatizzando il labiale:
        “MA CHE BBUO’ ?!?!?”

        Mi piace

      • Tati

        Un GrecodiTufo sarebbe perfetto.
        occhi che si abbassano e un sorriso leggermente arrossato, per questa gentilezza genuina e spontanea, alla quale è poco abituata… guarda i due genelliDiversi e…
        tira fuori il quaderno e la matitina rosicchiata, una manciata di pastelli e osserva… la via, le facce, le voci… un quadro perfetto da tenere a mente…

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        Posso dare una sbirciatina o aperto l’operamagnifica alla fine?

        Mi piace

      • Tati

        sono lenta… ci vorrà del tempo… però… puoi accomodarti e bere un bicchiere in compagnia, no?

        Liked by 1 persona

      • redbavon

        I’e Narciso c’è mettimme cca’ quiete quiete senz’e te disturba’. Quando hai fatto, alluca “aggio fernuto!” E nuje venimme addu te. Onoratissimi, ddoje vasille doce doce senz’e te disturba’. Uno io e uno Narci’.

        Mi piace

  • Paolo

    E a proposito di stereotipi e classificazioni delle persone… Ho trovato anche questo molto commovente…

    Liked by 2 people

    • Tati

      stupendooo!!! l’ho visto anche io!

      Liked by 1 persona

    • redbavon

      Non lo conoscevo. Alla fine, avevo le lacrime quasi agli occhi, ti giuro, quasi agli occhi. Per la gioia. Davvero emozionante, commovente, la verità che ti si dischiude davanti e spazza via ogni pregiudizio e radicata (falsa) convinzione. E’ davvero bello! vedere le espressioni delle varie persone…Stupendo! grazie OnPa’!
      Dovrebbero verderlo tutti…A scuola dovrebbero proiettarlo. Come Pubblicità Progresso come si faceva una volta. Perché non lo fanno?!?
      Qualcosa mi dice che lo sbatto in prima pagina sulla mia webbettola da un momento all’altro…Eccezionale.

      Liked by 1 persona

  • The Butcher

    Quanto vorrei tornare a Napoli. Sarà pure caotica, ma in quel caos mi ci sono ritrovato bene. E sono stato accolto benissimo. Purtroppo nel cinema e in altri settori i napoletani vengono sempre rappresentati in un modo che mi da sempre fastidio (e ho degli amici lì che sono stupendi e per niente come vengono rappresentati in TV).

    Liked by 1 persona

    • redbavon

      Ben detto Butch! Quando si pensa solo con le “etichette”, al posto di un cervello e di un cuore hai una pistola ottica e consideri le persone come barattoli e scatole sul nastro della cassa al supermercato. Buste?

      Liked by 1 persona

      • The Butcher

        Per farti un esempio io abito a sud delle Marche e quella zona è considerata dai marchigiani che vivono a nord come le Marche “sporche” e ci considerano persone rozze. Ogni volta che succede ciò mi sento offeso soprattutto nei confronti di persone che conosco che sanno essere davvero accoglienti e dolci. Purtroppo le “etichette” e il pregiudizio la fanno da padrona.

        Liked by 1 persona

  • mariluf

    L’ho solo traversata in treno, Napoli la bella…. e la vorrei girare. Chissà! Gran bel post, Red. Buonanotte!

    Liked by 1 persona

  • Napucalisse – un’ opera di Mimmo Borrelli – tiZ On the trAin

    […] sue stesse ceneri e si completa da sola. Questo progetto è stato realizzato in collaborazione con redbavOn , il nostro lavoro è costato settimane di ascolto, di sbobinamento, scrittura, ricerca e […]

    Liked by 1 persona

  • Giancarlo Buonofiglio

    ecco, mi piace, anzi ti metto proprio un like (come dicono gli adolescenti attempati di FB)

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: