De Pretore Vincenzo e la festa del papà

Dedicato a tutti i papà che ci hanno lasciato

La festa del papà. Il mio non c’è più. Da diversi anni. Quanti? Ho rimosso. Non ha importanza perché il vuoto che ha lasciato è come un “buco nero”, lì da tempi per noi umani inimmaginabili, incomprensibili, senza tempo.

Oggi è la festa del papà e stamattina i miei due nanerottoli mi hanno svegliato portandomi – come dei piccoli Re Magi – dei doni: due pergamene arrotolate e colorate, legate da un nastrino di quelli per fare i riccioli ai pacchetti dei regali. Ho sciolto il nastrino, svolto le pergamene, latrici di un importante “Annunciaziò! Annunciaziò!”. Su questi cari vecchi pezzi di carta, c’era la mia pagella: la pagella del papà.

Ne sono uscito quasi a pieni voti. Quasi.

C’è sempre margine di miglioramento ed è bene che sia così, perché ho paura delle persone troppo perfette. Mia consapvolezza di essere figlio del caos, di inadeguatezza, di insicurezze sparse a granella; mio dubbio metodico che l’ostentazione di perfezione sia l’altra faccia dell’insicurezza; mia certezza che la perfezione in questa valle di lacrime e sudore non esiste. E forse anche in Paradiso.

De Pretore Vincenzo è una commedia del grande Eduardo De Filippo. Il protagonista è Vincenzo De Pretore: è un mariuolo con una sua “filosofia”; una “filosofia” per cui si auto-assolve ed Eduardo lo giustifica agli occhi del gentile pubblico. Il tema di questa commedia è la giustizia e la Giustizia; la prima terrena, la seconda dell’Al di Là. La vera colpra del De Pretore, di padre ignoto, è quella di essere stato costretto a una vita da ignorante. La sua vita sarebbe stata diversa, se avesse avuto un padre, che lo avesse mandato a scuola, gli avesse trasmesso l’esempio e donato l’amore che ogni bambino, da qualunque parte provenga, ha diritto di ricevere per poterlo donare a sua volta.

Con le commedie di Eduardo De Filippo, oltre alla riconoscenza a questo grande protagonista del teatro e della letteratura italiana, ho  un legame particolare, dei ricordi vividi e a me estremamente cari: mio papà ed io, io e lui, soli davanti la TV in camera da pranzo o in cucina, guardavamo assorti queste commedie che la RAI trasmetteva a orari improbabili della notte. Assistevo con interesse a queste commedie, non perchè fosse una delle rare occasioni in cui mi era concesso di restare svegli fino a tardi (sono un vampiro “dentro”, amo la notte), ma perché era un’occasione di condividere con il mio papà, anche se in silenzio, un’affinità elettiva; sentivo – con il senno del poi è diventata una consapevolezza – che in quel momento mio padre mi stava trasmettendo una passione, dei valori, un esempio, mi stava donando qualcosa di sè. E io ero felice di questi doni. Proprio come oggi accolgo con felicità queste pagelle dai miei figli.

Oggi è la festa del papà e stamattina, anche stamattina, il mio papà non è più qui con me. La festa del papà, l’Al di Là, San Giuseppe, il Paradiso, il senso di ingiustizia di non averlo più vicino e che non ha potuto vedere i miei figli…Ma oggi è la festa del pap! Mi è venuto in mente De Pretore Vincenzo!

Nelle Aule del Potere, assistiamo a tante brutture e a riti che reiterano lo scandalo senza vergogna, il più recente al Senato, perciò ho scelto un evento celebrato in quest’Aula per me così importante, un evento che scalda il cuore e commuove: il 31 ottobre 2014, in occasione del trentesimo anniversario della sua scomparsa, Eduardo De Filippo è stato ricordato nell’aula del Senato con una cerimonia, dal titolo “Cantata delle parole chiare. Voci dal teatro di Eduardo in Senato”. L’attore Mariano Rigillo interpreta De Pretore Vincenzo con un pathos e una bravura che mi rende fiero di essere napoletano: di avere delle radici, che mi fanno capire immediatamente la bellezza e profondità, i valori di questo capolavoro di Eduardo.

Il testo non è complicato da comprendere anche a chi non è napoletano. Ho trascritto il recitato dall’attore in questa occasione, che chiaramente è una versione ridotta. Il testo originale è, infatti, più esteso (trovate il recitato dallo stesso Eduardo alla fine della pagina). L’interpretazione di Rigillo è davvero sublime e, nel caso, abbiate bisogno di una spiegazione j’stong’ ccà. Con gioia vi spiegherò i passi che non avete capito.

Chissà se papà, lassù, ha incontrato De Pretore Vincenzo…

…Io spero di sì!

Il testo  è di proprietà dell’autore e viene qui riportato con il solo scopo di farlo conoscere a quante più persone possibile.

De Pretore Vincenzo s’arrangiava
Campava ‘a bona ‘e Dio, comme se dice.
Figlio di padre ignoto, senz’amice,
facev’ ‘o mariuolo pe’ campà.Marciava bene: ‘o vestetiello inglese
‘a scarpa mocassino su misura;
‘a cammisa le steva na pittura;
‘a cravatta marro’ “petit-pois”.

Pe’ na manovra ca fernette ‘nfieto
– nu scippo a na bizzoca – jiett’ ‘a dinto;
nemmen’ ‘o pizzo c’ ‘o mustaccio finto
chella vota ‘o putètteno salvà.

Quanno ascette, Vicienzo ce penzaje:
“s’adda perdere ‘o nomm’ ‘e De Pretore
Si nun trovo nu Santo protettore
Ca me protegge ‘nterra, e in aldilà!

E chi sceglio? Chi piglio?” – Finalmente,
chillo ca cerca trova, penza e penza.
Se scigliette nu Santo ‘e conseguenza,
ca meglio d’isso ‘ncielo nun ce stà.

Pate a Gesù, marito d’ ‘a Madonna,
‘mparentat’ a Sant’Anna e a San Gioacchino:
“Si nun me po’ proteggere a puntino
Qua San Giuseppe me pruteggiarrà?”

Arrubbava vasanne fijurelle;
nu furto, nu lumino e ddoje cannele…
Era cadut’ ‘ puorco dint’ ‘e mmele.
San Giuseppe ‘o faceva rispettà.

Chi ‘o manteneva ‘o 19 ‘e Marzo,
‘o jiuorno ‘e San Giuseppe!
Addirittura, si se trovava ‘ncopp’ a na Quistura,
nun se steva cujeto manco llà.

A Piazza Municipio, ‘na matina,
sfilann’ ‘o portafoglio a nu signore,
chisto, cchiù lesto, ferm’ a De Pretore
e ‘o ‘ncatasta cu tanta abilità,

‘nfacc’a nu camionne; a nun contento
d’averle sbutecato ‘na mascella,
‘o lassa, mette man’ ‘a rivoltelle,
e tira, senza scrupolo e pietà.

De Pretore cadette “E’ muorto!…E’ muorto!”
“Gneornò, suspir’ancora!” Ll’aizàjeno
‘a terra e lestu lestu s’ ‘o purtàjeno
Dint’ a na carruzzella p’ ‘o salvà…

Miezo stunato… ‘a man’ ‘e nu ‘nfirmiere…
Nu fieto ‘e mmedicina l’affucava
E mentre nu chirurgo s’accustava
De Pretore già steva in aldilà.

Allero e zumpettianno se fermaje
For’ ‘o palazzo ‘e Dio, ‘nnanz’ ‘o purtone:
spustaje cu fforza na maniglia ‘attone,
sbattènnola doje vote pè chiammà.

Nu spurtiello quadrato s’arapette,
e comm’ ‘a guardaporta s’affaciaje
na capa ‘e pruvulone, ca spiaje:
nomme, cognomme, patria e qualità.

“E a chi volete?” “Voglio a San Giuseppe…”
“Ma siete atteso?…Siete canusciuto?”
“Ma sono addirittura benvoluto,
Voi dite: De Pretore,
chillo ca ve scegliette Protettore,
vò sapè, mò che è muorto, c’ ‘adda fa!”

Se chiudett’ ‘o spurtiello. De Pretore
Sentett’ ‘o passo ca s’alluntanava.
Doppo poco, quanno vedette c’ ‘o purtone s’arapette
tanto d’ ‘o remore ca faceva,
De Pretore se senteva scunucchià.

Vedette a San Giuseppe ca scenneva
nu scalone’ndurato, e ca diceva:
“Ma chistu De Pretore, chi sarrà?”

E De Pretore, cu ‘na faccia tosta,
‘o jett’ incontro, cu ‘na mana tesa:
“So’ De Pretore, ‘o figlio d’ ‘a Turresa!
M’hanno sparato ‘na mez’ora fa”

“T’hanno sparato? Uh povero guaglione!
E chi è stato ca t’ha fatt’ ‘o mmalamente?
“Ma allora nun sapite proprio niente?…
Vuje ‘mparaviso che ce state a ffa?…

Llavissev’ ‘a sapè, ca si so muorto,
è certamente pure colpa vosta.
Io arrubavo sicuro, a bella posta,
sapenno ca ce stìveve vuje ccà”

“Sicchè tu si ‘nu muorto mariuolo?!”
“Gnernò, mò ca so’ muorto song’onesto.
Nu mariuolo vivo, si fa chesto,
nun ‘o ffà pe murì, ma pe’ campà”.

“E’ giusto!” rispunnette San Giuseppe
“però, ccà ‘ncopp’, stu ragionamento
Difficilmente, dint’ a ‘nu mumento,
cagna ‘na Legge antica ca ce sta!

Chi arroba in vita, è sempre mariuolo
E doppo muorto resta segnalato…
Si ‘o mariuolo fosse perdunato
‘o ffuoco eterno che ce stesse a ffà?”

De Pretore dicette: “ ‘J che ne saccio,
io nun pozo capì tutte sti llegge.
Chi tene a San Giuseppe c’ ‘o prutegge,
è San Giuseppe che c’adda penzà”

“Primm’ ‘e tutto – dicette San Giuseppe –
Sta prutezione, si me l’ ‘e cercata,
tu te l’ ‘e vista, e tu te l’ ‘e pigliata.
Nun capisco pecchè t’avev’ a dà!”

“Overo? E tutte chelli ffigurelle
Cu vvuje fotografato e culurato?
Io, certi vvote, me so ‘ndebbitato
P’ ‘e cannèle e pe’ ll’uoglio! E mò che ffà?…
Mò me dicite “Ccà ce sta ‘na Legge…
Ca ‘o mariuolo è sempre signalato…”
A me, si nun m’avessero sparato,
fosse muorto p’ ‘a famma, San Giusè!…
Mò tantu bello, nun facimme storie,
parlate in confidenza c’ ‘o Signore.
Dicìtele “Vincenzo De Pretore
Ll’aggio protetto, e ‘o faccio restà ccà”

“E si me dice: no?”
“Peggio pe’ vvuje,
ca ‘lloco ‘ncoppa nun cuntate niente.
Pe’ chello c’ aggio spiso, stregn’ ‘e diente.
Ma vuje …ce avite perzo ‘e dignità!”

San Giuseppe, nu poco penzieruso,
s’abbiaje p’ ‘o scalone, a malincuore,
e se truvaje ‘mpresenza d’ ‘o Signore,
cu lluocchie ‘nterra pe’ nun ‘o guardà.

“Giuseppe cosa c’è?” “Caro Maestro,
Fore ce sta nu mariuolo muorto
Ca se chiama Vicienzo De Pretore.
Siccome me scegliette Protettore
Giustamente vulesse restà ccà”

“San Giusè, ma te fusse rimbambito?
Nu mariuolo! E dice: giustamente?
Ma tu te si stunate veramente!
Chest’ è ‘a vicchiaja ca te fa parlà”

“Che centra? Vuje, ched’è, nun site vecchio?
Anze, si ce penzate bbuono, mmiez’ a nnuje,
‘o vicchiacone overo site vuje.
Insomma, ccà se tratt’ ‘e dignità.
De Pretore arrubbava, sissignore;
è muorto acciso pe’ chesta ragione.
S’era fissato c’ ‘a prutezione:
m’appicciava ‘e cannele… c’aggia fa?
Lle vaco a ddì ca nun ne saccio niente…
Ca conta solamente ‘o Pateterno,
e ca se n’adda scènnere all’Inferno
pecchè ‘a protezione nun ce sta?…
Si vuje vulite fa chesta figura,
io nun ‘a voglio fa. Sa che ve dico?
Ve rummanno devoto, frato, amico;
ma ve saluto, e mme ne vaco a ccà”

Dicette ‘o Pateterno: “Chella è ‘a porta.
Però piènzece bbuono nu mumento.
Pecchè, si po’ te ven’ ‘o pentimento,
‘a porta è chiusa e chiusa restarrà!”

E c’ ‘a mazza fiorita, San Giuseppe,
comme si nun avesse manco ‘ntiso,
lassav’ ‘o posto ‘e copp’ ‘o Paraviso,
c’ ‘a capa sotto, e senza s’avutà.

‘A Madonna, strignènnose dint’ ‘e spalle,
se susette pur’essa e s’avutaje;
facette ‘a riverenza, salutaje,
dichiaranno: “Ma comme pozzo fa?…
Giuseppe è mio marito, certamente…
E lo devo seguire ovunque vada.
Io, come moglie, seguo la sua strada:
‘na mugliera fedele chesto fa”

Gesù Cristo dicette: “Io song’ ‘o figlio…
E che faccio? ‘E llasso sule? E cu’ qua’ core?
Specialmente mia Madre, se ne more…
Io mme ne vaco cu Papà e Mammà”

Sant’Anna fece segno a San Gioacchino
San Giuvanne, cumpar’ ‘o Salvatore…
L’Arcangelo Gabriele Annunciatore
pur’ isso s’ ‘a vuleva spalummà.

Tanto, ca ‘o Pateterno se susette,
strillanno: “Fermi tutti!!…Dove andate?
Si overamente ascite e ve ne jate,
‘o Paraviso nun ‘o pozzo fa!”

Tutt’ ‘a Sacra Famiglia se fermaje,
aspettanno ‘a Parola d’ ‘o Signore.
“Va bene, fate entrare a De Pretore…
Almeno, m’ ‘o facite interrogà!”

De Pretore trasette “Vieni avanti…
Tu ti chiami Vincenzo?” “Sissignore”
“E di cognome?” “Faccio De Pretore”
“Tuo padre?” “De Pretore fuje mammà”

“Come sarebbe?!” “So’ di padre ignoto”
“Non capisco. Ma ignoto di che cosa?”
“Che quando sulla terra non si sposa,
‘e figlie nun se ponno dichiarà”

“Ma i figli sono figli”
“Niente affatto. Vuje ve credite ca so tutte eguale;
ma ‘e figlie, ‘nterra, si nun so’ legale,
campano comme ponno: c’hann’a fa?”

Doppo capuziato, ‘o Pateterno
dicette: “Aggio capi’ ‘o fattariello.
Pirciò tu addeventaste mariunciello?”

“Gnorsì, ma sulamente pe’ campà.
Senza ‘nu pate ca te mann’ ‘a scola,
campanno abandunato mmiez’ ‘a via,
facenno sulamente a capa mia…
se sape ca fernesce p’arrubà!”

Nu minuto ‘e silenzio, ‘o Pateterno,
cu ‘na santa pazienza se susette,
e cu ‘na voce ferma po’ dicette:
“Chistu Napulitano resta ccà!
Andate tutti a letto. Domattina
Vi sveglierete nelle prime ore
Per spiegare a Vincenzo De Pretore
In Paradiso come ci si sta”

‘E Sante cu ‘na meza resatella
E cu ‘nu miez’inchino s’abbiàjeno.
Ammagliecanno amaro se cuccàjeno
penzanno: “’A rrobba mo’….s’adda ‘nzerrà eh!”

‘O Pateterno, ‘a sera, abituato
A sentì, ‘Mparaviso, ‘e meglie cante.
Invece, chella notte, tuttuquante
Nun ‘e ssenteva manco ‘e pepetià.

E, cu ‘nu naso fino ‘e Pateterno,
‘O Signore capett’ ‘a serenata.
Nun potette durmì tutt’ ‘a nuttata,
penzanno che discorso aveva fa.

Schiarato juorno, fece l’adunata
E disse: “Capisco il malumore,
avvuje ve fa paura De Pretore,
ch’ è mariunciello, e ca ve po’ arrubbà?

State tranquilli, ne rispondo io.
Chisto pirciò se chiamma Paraviso.
lietto sicuro, pane ben diviso…(qui l’attore ha invertito, questa è l’originale senso)
Neh, De Pretore c’arrubbasse a ffà?”

‘E Sante se guardàjeno tutte ‘nfaccia
E ‘ntunajen’ ‘a cchiù bbella Pasturale,
comm’a chella che cantano a Natale:
e pe’ Vicienzo che felicità!

A poco a poco tutte chistu coro,
e tutta chesta musica fernette.
‘E bello De Pretore se sentette
‘a stanchezza e ‘o dolore d’ ‘o campà.

Po’ n’ata voce ‘e cristiane,
una diceva: “Fatelo dormire.
Ripiglia il polso, ma non può capire.
Complimenti, Dottore… se ne va?”

Cu ll’uocchie miez’ aperte, lle parette
‘e vedè ‘na figura d’omme anziano,
cu nu fuglietto e cu ‘na penna ‘mmano
e ca diceva:”’O pozzo interrogà?”

N’ata voce dicette: “Con prudenza”
“Tu ti chiami Vincenzo?” “Sissignore”
“E di cognome?” “Faccio De Pretore”
“Tuo padre?” “Ve l’ho detto poco fa”

N’ata voce dicette: “Su coraggio,
cercate di rispondere al signore”.
“Gnorsì, già mi ha concesso l’alto onore.
Sul’isso me puteva perdunà.

Ce ll’aggio ditto, ch’ero muorto acciso e che ero mariunciello
Sul’isso me puteva perdunà.
Fatemi rimanere in Paradiso!
Tengo… ‘a prumessa e voglio…restà ccà…”

Credenno ca parlava c’ ‘o Signore,
‘nzerraje pe’ sempe ll’uocchie
De Pretore.

Spunti di approfondimento: De Pretore Vincenzo su napolidieduardo.blogspot.it

Annunci

21 pensieri su “De Pretore Vincenzo e la festa del papà

  1. Anche io come te non ho più mio padre da tanto, troppo tempo e come dici tu anch’io ho provato e provo ancora quella sensazione di perdita, di buco nero……
    Lo sai che il primo pupazzovi è stato lui ? Poi è venuto mio fratello ed ora indegnamente la tradizione famigliare la porto avanti io…..
    Che dire ? I tuoi nanerottoli sono sicuramente fortunati ad avere un padre come te….
    Ed Eduardo ? Un grande….. anzi un grandissimo se non di più ancora…..
    Un saluto !!!

    Liked by 1 persona

    1. mio caro, ti fa onore la modestia e – per me – è una grossa virtù: la tradizione familiare la porti avanti alla grande! Ti assicuro…Detto da uno che ha preso in pagella “10” alla voce “Cucinare” perché – a detta del nano – so fare bene le uova al tegamino e (tradizione di papà) le frittate, anche quelle ripiene (dette “filosc”). Ciò premesso di uova ne capisco! 😉

      Mi piace

    1. Di cose da dire ne avrei ancora a josa, ma tendiamo a trattenerle. Va bene così. Poi arriva qualcosa, un giorno, un momento, nu fattariello, nu fruscio dint’all’aria e deborda. Come la schiuma della birra. Questo è quello che ho fatto io. J’stong ccà: m’assetto, ti ascolto che stai in silenzio e…già sappiamo. Cin cin…Pigliate stu bicchiere ‘e vino che miette o’ffuoco dint’e vene 😉

      Liked by 1 persona

  2. Tiziana

    …sono 20 anni che non posso guardare la tv con il mio papà e dopo tutti questi anni ancora non sono riuscita a colmare il buco nero, già è esattamente questo quello che lascia la perdita di un genitore…grazie Claudio di aver messo per iscritto, con il tuo stile inconfondibile, quello che si prova

    Liked by 1 persona

    1. Mi è venuto giù per una serie di attività ed eventi apparentemente slegate e lontane dal pensiero-di-papà, che oggi – nonostante la ricorrenza – era lontano mille miglia. Sarà per auto-difesa…poi all’improvviso, il pensiero di papà è balenato e ha iniziato a farmi mettere insieme i “pezzi”. SBAM!
      È venuto giù naturale come acqua da un ruscello – ahem – di montagna! I nostri papà sono sempre con noi e questa non è auto-difesa.
      Grazie per la visita e il commento.

      Mi piace

  3. Tony Romei

    Grazie Claudio, per me non sono passati neanche 2 anni e mi sembra una vita che mio padre sia andato via. In giornate come queste sono tanti i ricordi ma credo che, dopo un doveroso e sacrosanto pensiero, la nostra mente ed il nostro impegno vadano rivolti ai nostri figli, memori di ciò che abbiamo avuto e ciò che ci è mancato, e far fare un nuovo giro quella meravigliosa ruota che è la vita.

    Liked by 1 persona

    1. È già la ruota gira ed è un piacere mettere i pargoli nella ruota e cercare di fargliela muovere non come dei criceti costretti in gabbia 😉 Penso che i nostri genitori – e oggi tocca a noi – ci abbiano dato un altro paio di doni, oltre alla vita; l’esempio è quella che io chiamo “la scatola degli arnesi”, cioè ci hanno dato gli strumenti per camminare da soli, per pensare con la nostra testa e sentire con il nostro cuore. Ci hanno reso unici, nel bene e nel male. Per loro, sempre e solo nel bene. Perché si sa che gli scarrafoni…so’bbbbelle.
      Grazie Tony.

      Mi piace

  4. Oggi ti è toccato stare sotto il giudizio insindacabile dei due nanerottoli e, come c’era da immaginarlo, ne sei uscito alla grande.
    Il ricordo dei nostri Papà è con noi, presente nella vita di tutti i giorni.
    Ho apprezzato molto questo capolavoro di Eduardo e fantastica è l’interpretazione di Mariano Rigillo.
    Un caro abbraccio 🙂

    Liked by 1 persona

    1. Ricambio l’abbraccio e almeno Damocle era sotto una sola spada, la mia testa è sotto ben due spade! Non so perché ma più che Damocle, mi sento come Robespierre! Egalite’ Fraternite’ e per cortesia, signor Boia, facite me a curtesia di andarci delicato con il taglio…che oggi – sarà l’umidità o il cambio ‘e staggione – tengo un torcicollo che mi sta…accirenne. 😉

      Liked by 1 persona

  5. Eccomi qua, purtroppo a rendere ancor più nutrito l’esercito dei “senza papà”…
    Ieri me ne sono stato zitto zitto (anche lontano dalla tastiera) per praticamente tutto il giorno, non mi veniva naturale alcun altra reazione.
    Grande (come sempre) Eduardo e grande la figura del padre. E’ ovvio dire che manca anche a me, vivendo distante mi sono praticamente perso i suoi ultimi istanti di vita e mi dispiace soprattutto non essere riuscito, nella mia vita, a “rendegli onore” diventanto padre anche io. Spesso dico che mi manca più l’esser padre piuttosto che marito, ma pazienza… Ciao !

    Liked by 1 persona

    1. Ma siamo sempre con due piedi in un mezzo inferno…I temi toccati da Eduardo sono sempre molto attuali e sto per pubblicare una canzone che conferma la “regola”.
      La Rai dovrebbe rimandarle queste commedie: in risposta pure a qualche SalMinchione, che scende a farci il predicozzo sapendo di creare casini (e noi abbiamo abboccato). Quello manco sa dove abita: se lo deve scrivere sulle felpe.

      Liked by 1 persona

        1. Leggere le commedie di Eduardo sul libro è difficile per chi non è napoletano. La TV in questo caso sarebbe un ottimo mezzo divulgativo, culturale e d’intrattenimento insieme. Davvero un peccato lasciare che vadano nel dimenticatoio certi capolavori. Che le fanno a fare queste celebrazioni se poi non danno un seguito più ampio. Vorrei chiedere a un ragazzo delle liceo: sai chi è Eduardo De Filippo e sarei curioso di sapere i risultati a livello nazionale

          Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...